Castellammare. Mattarella-Dolci. Insegnanti in difesa della docente sospesa a Palermo

0
244

Centinaia di migliaia di attestati di solidarietà. Si sono anche mossi tutti i docenti dell’istituto Mattarella-Dolci di Castellammare e sono scesi in campo in difesa dell’insegnante palermitana Rosa Maria dell’Aria sospesa per 15 giorni. Un gravissimo attacco alla libertà di espressione in un momento in cui in Italia si registra una sempre più pericolosa deriva fascista e razzista. L’insegnante à stata sospesa dopo che gli studenti della sua classe hanno presentato un lavoro che ha accostato il decreto sicurezza alle leggi razziali. Preoccupazioni sono state espresse anche dall’Onu per il decreto del ministro Salvini. Nel documento sottoscritto da tutti i docenti dell’istituto “Mattarella-Dolci” è scritto fra l’altro che “I sottoscritti docenti dell’I.I.S.S. “P Mattarella – D. Dolci” di Castellammare del Golfo aderendo al Teacher Pride del 21 Maggio 2019, vogliono manifestare, con forza, il proprio dissenso per quanto accaduto nei giorni scorsi alla professoressa Rosa Maria dell’Aria, che non può e non deve lasciare indifferenti, poiché non si tratta solo di un atto lesivo della dignità e della professionalità della collega, e quindi di tutti i professionisti che, come lei, sono impegnati giornalmente nel campo dell’insegnamento e della formazione, ma anche perché costituisce un gravissimo attacco ai due principi su cui si fonda l’essenza stessa del nostro lavoro: libertà di espressione del proprio pensiero (art. 21) e libertà di insegnamento (art. 33).. Noi siamo professionisti chiamati a fornire ai nostri studenti gli strumenti necessari per lo sviluppo del pensiero critico, nel rispetto dell’altro e nella consapevolezza che, quando esprimiamo le nostre idee, dobbiamo essere disposti a metterle in discussione, accettando le critiche. Se il video incriminato, secondo quanto sostiene chi lo ha segnalato, presenta delle imprecisioni, che si cerchi uno spazio democratico di confronto piuttosto che punire una docente perché questo spazio lo ha garantito facendo in modo che i propri alunni si esprimessero liberamente” scrivono gli insegnanti di Castellammare del Mattarella-Dolci.