Castellammare del Golfo, progetto “Città pulita”, sostegno economico a cittadini con difficoltà

Trentacinque cittadini castellammaresi del progetto “Città pulita” si occuperanno del controllo in spiaggia affinché non avvengano assembramenti in spiaggia. Il progetto “Città pulita” predisposto dall’assessorato ai Servizi Sociali, individuerà tramite bando predisposto dal Comune: la collocazione delle passerelle per disabili nella spiaggia Playa e di Guidaloca, ma anche Il controllo delle isole ecologiche collocate in queste stesse spiagge ovvero: 4 isole ecologiche alla Playa e 3 a Guidaloca, passando infine al controllo per prevenire assembramenti anti codiv-19 nelle spiagge libere, ma anche nella villa Margherita e, per quanto riguarda le ore serali, nelle frequentatissime zone del corso Garibaldi basso, cala Marina e piazzale Stenditoio, piazza Petrolo, vicolo Timpa, piazza Madrice e piazza Castello. Al progetto possono partecipare cittadini residenti a Castellammare del Golfo di età compresa tra i 18 ed i 65 anni che hanno precisi requisiti valutabili per la graduatoria come ad esempio il basso reddito, gli anni di disoccupazione, i figli a carico e vari altri parametri dettagliatamente riportati nel bando. I cittadini lavoreranno 4 ore al giorno per complessive 160 ore e riceveranno un contributo di 800 euro. Ai lavoratori sarà garantita la copertura assicurativa. «A causa dell’emergenza coronavirus, quest’anno l’importante progetto sociale che consente decoro ambientale e contemporaneamente supporta cittadini con difficoltà economiche, prevede nuove e precise attività per i lavoratori poiché –spiegano il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore ai servizi Sociali Enza Ligotti- faranno da supporto al controllo antiassembramento sulle spiagge libere ma anche nelle zone maggiormente frequentate da cittadini e turisti nelle ore serali, semplicemente ricordando che occorre mantenere le distanze, indossare i dispositivi di protezione individuale e prevedere precise misure igieniche». L’istanza di partecipazione, da presentare entro il 10 giugno 2020 al protocollo comunale, si può ritirare direttamente presso l’ufficio tecnico del comune di Castellammare del Golfo.