Castellammare del Golfo-Ncd apre al sindaco, chiesti “azzeramenti” e rotazione dirigenti

0
311

Si torna a dialogare tra il Nuovo centrodestra e il sindaco di Castellammare del Golfo Nicola Coppola, anche se ancora a distanza. L’approccio fra le parti al momento si limita a delle missive che però presto potrebbero trasformarsi in incontri veri e propri. Dopo un primo tentativo appena accennato, interrotto dalla baraonda politica che ha portato a chiedere le dimissioni del primo cittadino, ora Ncd e Coppola tornano a schiacciarsi l’occhiolino per un eventuale accordo politico. Manovra che mira a far riconquistare la maggioranza al sindaco, costretto a subire nelle ultime settimane sonore bocciature dall’aula dei vari atti amministrativi proposti. Per superare lo stallo lo stesso sindaco ha deciso nei giorni scorsi di lanciare un appello a tutto il consiglio per predisporre un patto di fine legislatura. Alla fine però l’unici spiraglio possibile è l’apertura di un accordo proprio con l’Ncd anche per la presenza in giunta del Partito Democratico con cui a livello regionale e nazionale c’è intesa. Il Nuovo centrodestra però ha posto dei ben precisi paletti: uno, già enunciato quando qualche mese fa vi fu un primo tentativo di dialogo, è quello dell’azzeramento della giunta e dei vertici del consiglio comunale. In più, questa volta, gli alfaniani pretendono dal sindaco che vi sia una rotazione di tutti i responsabili dei sei Settore che compongono la macchina burocratica: “Riteniamo che queste premesse, da attuare immediatamente, .- si legge in una nota del coordinamento comunale dell’Ncd – possano essere il preludio, con l’aiuto di tutto il consiglio, alla formazione di una alleanza di fine consiliatura, con un nuovo programma chiaro e preciso e con uomini nuovi dotati di entusiasmo energie e competenze da spendere nei confronti dei nostri cittadini”. Già qualche primo segnale di ricostruzione della maggioranza si è visto: ad esempio il consigliere Giovanni Ciufia ha lasciato l’Udc passando nel gruppi Misto e il collega Ivano Motisi si è staccato invece dal gruppo dell’opposizione assumendo una posizione indipendente. L’eventuale accordo con l’Ncd, che conta su due consiglieri comunali, porterebbe Coppola a riavere una maggioranza. Il Nuovo centrodestra mostra segnali di apertura: “Considerando l’invito fatto dal sindaco come una presa d’atto del fallimento della sua maggioranza – aggiunge il coordinamento – apprezziamo la volontà dello stesso di rivolgere un appello a tutti i consiglieri sia di maggioranza che di opposizione, già da noi precedentemente auspicata e proposta”.