Castellammare del Golfo-Differenziata “inchiodata”: Comune prova a rilanciarla con le scuole

0
336

Città inchiodata ad appena il 32,5 per cento di raccolta differenziata. Una quota sicuramente superiore alla media regionale, e non è particolarmente difficile riuscirci considerata la situazione disastrosa siciliana in ottica di smaltimento della spazzatura, ma che non può soddisfare un territorio che punta forte sul turismo come Castellammare del Golfo dove oltretutto vi è anche il servizio di raccolta “porta a porta”. Una sconfitta oltretutto se si considera che nel comprensorio i risultati sono molto più lusinghieri, come a Balestrate e Alcamo dove si arriva anche al 60-70 per cento di differenziata. Il municipio vuole adesso puntare forte sulla sensibilizzazione con le scuole dove è partito il progetto di “riciclo creativo” avviato dall’amministrazione comunale per gli alunni delle scuole d’infanzia e primarie di primo grado. Educazione all’ambiente tra gioco ed animazione poiché lo scopo del progetto, realizzato in collaborazione con “Frappè animazione” ed Agesp, società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città, è quello di far prendere consapevolezza ai bambini dell’importanza della raccolta differenziata e del riutilizzo dei materiali di scarto. “Educazione all’ambiente che per i bambini passa dal gioco così da renderla più piacevole ed interessante. Annualmente proponiamo nelle scuole diversi progetti di educazione all’ambiente che mirano in particolare a far conoscere l’importanza della differenziata – affermano il sindaco Nicolò Coppola e l’assessore Salvo Bologna (nella foto a sinistra e destra) -. Per arrivare agli adulti, sensibilizzando ad incrementare la raccolta differenziata, bisogna educare i bambini e le scuole hanno un ruolo primario. Per ridurre la produzione di rifiuti indifferenziati che vanno in discarica e che creano emergenze e aumento dei costi, occorre insegnare le buone abitudini legate alla cultura del riciclo e dunque del rispetto per il nostro ambiente”. In pratica i bambini assisteranno a delle lezioni guidate e saranno coinvolti tramite giochi e altre attrattive ad avvicinarsi al mondo della raccolta differenziata. Temi principali il riuso, riciclo e rispetto per l’ambiente. Il progetto prevede l’accoglienza degli alunni con dei clown, animazione e giochi riguardanti il tema della raccolta differenziata e distribuzione di gadget. I piccoli studenti, inoltre, avranno la possibilità di partecipare al laboratorio “riciclo creativo”, a cura di un’attività commerciale di Alcamo, dove saranno direttamente coinvolti: vedranno trasformare oggetti di scarto in veri e propri oggetti nuovi. Con un po’ di creatività e con l’aiuto di pochi strumenti i bambini potranno trasformare materiali di scarto, che normalmente finiscono nella spazzatura, in cose nuove, belle e utili, dando loro una seconda chance e allo stesso tempo aiutando l’ambiente.