Castellammare del Golfo, bando rifiuti pubblicato: arrivano Ccr e raccolta nelle periferie

0
460

. A fine novembre sarà affidato l’appalto della raccolta rifiuti in città per i prossimi 7 anni. Castellammare del Golfo va verso quindi un assetto definitivo del servizio che porterà importanti novità, tra queste l’ampliamento della raccolta anche nelle zone più periferiche che ad oggi non sono ancora servite dal porta a porta, cosa che ha in qualche modo impedito alla città di aumentare in maniera sostanziale la quota di differenziato che è sempre rimasta ferma attorno ad una media del 40 per cento. Proprio in questi giorni è stata pubblicata la gara con il relativo capitolato: “La pubblicazione del bando di gara per il servizio rifiuti, che prevede anche la creazione e gestione del Ccr, – precisa il sindaco Nicola Rizzo – rappresenta un enorme passo avanti. Siamo davvero soddisfatti perché abbiamo affrontato appena insediati la difficile situazione dello smaltimento dei rifiuti e l’attuale servizio  si regge su un appalto affidato con gara ponte che manca di alcuni  elementi che vanno potenziati come quello di mirare non solo allo smaltimento del  centro urbano ma anche alle zone esterne”. A gestire tutto, considerato il notevole costo a base d’asta di quasi 17 milioni di euro, sarà l’Urega, l’ufficio regionale per l’espletamento delle gare d’appalto. “Quello dei rifiuti è un settore che necessita di attenzione e approfondimento e, appena insediati, abbiamo subito approfondito e studiato l’appalto che doveva andare in gara prevedendo migliorie – precisa il primo cittadino -. Il servizio tende a conseguire gli obiettivi di aumento della raccolta differenziata ma sono stati aggiunti elementi essenziali prima non previsti come, per fare qualche esempio, i servizi di disinfestazione e derattizzazione, la pulizia di pozzetti, caditoie e delle griglie stradali alle quali abbiamo fatto aggiungere la rimozione di rifiuti abbandonati nei canali di scolo e dal canale che dalla 187 arriva alla marina così da eliminare gli ostacoli al regolare deflusso delle acque”. Compresa nel servizio anche la pulizia giornaliera della spiagge, la bonifica di micro discariche e la pulizia, entro 48 ore, di aree ingombre di rifiuti segnalate dal Comune. Nei punti critici è previsto un sistema di telecamere per il monitoraggio di sedi di probabili discariche abusive. Ma anche il discerbamento stradale delle vie del centro urbano, l’estensione del servizio alle periferie, e la distribuzione dei kit per la raccolta degli escrementi degli animali. Il servizio comprende adesso anche la raccolta ed il trasporto in impianto di recupero autorizzato degli oli esausti vegetali e animali di provenienza domestica e commerciale e soprattutto la realizzazione del Centro di raccolta comunale che l’aggiudicatario dovrà realizzare e gestire a sua cura e spese. Nel futuro Ccr si potranno stoccare vetro, elettrodomestici, pneumatici fuori uso, frazione organica, metalli, plastica, tessili, ingombranti ed inerti. Nell’area saranno raccolte pile esauste, farmaci scaduti, ed anche, in appositi raccoglitori, rifiuti infiammabili, olio minerale e vegetale.