Castellammare del Golfo-Amministrative, Pd spinge il sindaco a ricandidarsi

0
288

Il Pd batte un colpo a Castellammare del Golfo ed esce allo scoperto dopo mesi di silenzio in questa campagna elettorale castellammarese abbastanza sotto tono sino ad ora, dove tutti o quasi aspettano la mossa dell’altro. A chiare lettere i democratici chiedono la ricandidatura del sindaco uscente Nicola Coppola (nella foto a sinistra), sino ad oggi appoggiato proprio da un Pd che è in città forza di governo tra le più influenti, dal momento che è rappresentata dal vicesindaco Salvo Bologna (a destra). “Siamo certi – scrive in una nota il segretario cittadino del Pd, Francesco Gianquinto – che Nicola Coppola, al quale abbiamo già chiesto la ricandidatura, sia la persona più indicata per continuare ad amministrare Castellammare, svolgendo un ruolo da protagonista della nuova formazione politica. Riteniamo che la soluzione migliore per la città di Castellammare del Golfo sia dare continuità all’attuale amministrazione, al fine di completare quanto finora iniziato e condividendo un programma elettorale che si focalizzi, sempre di più, sulle reali necessità della cittadinanza come fatto finora, tutelando le fasce più deboli, ottimizzando le attività dell’Ente-Comune e collaborando con le tante associazioni di categoria per dare seguito alla crescita economica e culturale collegata al turismo”. Coppola, più volte sollecitato a esprimersi sull’intenzione di eventualmente ricandidarsi, ha continuato a ripetere che sta meditando: “Non è questa la priorità per la città – ha sempre evidenziato -, prima di tutto voglio portare a compimento prima della fine della legislatura alcuni obiettivi importanti”. L’attuale primo cittadino è appoggiato oltre che dal Pd anche da Sicilia Futura e da pezzi della società civile. Si sussurra che il suo temporeggiare sia legato essenzialmente al peso della sua età, il prossimo 21 settembre compirà 70 anni, in realtà dietro ci sarebbero anche altri due fattori che potrebbero incidere: il primo è quello legato all’indagine a suo carico per la presunta nomina illegittima di un funzionario del Comune per ricoprire una carica dirigenziale che non avrebbe potuto svolgere su cui ancora il Gip deve esprimersi per un suo eventuale rinvio a giudizio e se così fosse farebbe un passo indietro; l’altro è di carattere politico perché in dubbio per una possibile riconferma se dall’altra parte il centrodestra (che conta molti suoi ex alleati, ndc) si presenta compatto. Intanto il Pd prova a spingere il primo cittadino uscente e lancia un appello: “Il nostro progetto per Castellammare del Golfo, considerato il nuovo sistema elettorale, – aggiunge il segretario cittadino – ha bisogno del sostegno di liberi cittadini, associazioni e movimenti civici per essere realizzato integralmente: il nostro è un esplicito invito rivolto a tutti coloro che vogliono spendersi per il proprio paese”.