Castellammare calcio 94, si dimette il presidente per la gestione del campo

Una vera e propria tempesta si è abbattuta sul Castellammare calcio 94 quando mancano pochi giorni all’inizio del campionato di Promozione. Uno dei motivi: i metodi per concedere all’Alcamo calcio l’uso l campo.  Antonino Mistretta, presidente del sodalizio, ha rassegnato le dimissioni, definite irrevocabili. Mistretta lamenta  ingerenze nella gestione del campo e tiene a sottolineare che sono stati: “ due  anni meravigliosi, perché oltre ai risultati sportivi , sia della prima squadra che del settore giovanile, siamo riusciti ad ottenere  un finanziamento  di  100 mila euro di cui  50 mila  a fondo perduto,   per un progetto  di risparmio  energetico   che, in prospettiva  farà  risparmiare alle casse comunali  centinaia di migliaia  di euro. Progetto  che presupponeva ,  come unica condizione, che  il campo sportivo, per il quale  devono essere utilizzate  le somme,  venisse affidato,  per  10 anni , in gestione alla Società vincitrice del bando. Per tale motivo il Comune ha dovuto concedere la gestione del campo al Castellammare calcio 94, pena la perdita del finanziamento”.  Antonino Mistretta punta il dito su “alcuni atteggiamenti tenuti dal sindaco Nicola Coppola, al quale riconosce la buona fede, ma che hanno ugualmente prodotto interferenze sulla regolarità della gestione, che ha umiliato Antonino Mistretta”. L o stesso sostiene cha ha “saputo dello svolgimento della partita Alcamo- Parmoval solo dal comunicato della Lega e che la società ospitante era stata autorizzata dal sindaco Coppola”. Lamenta violazioni regolamentari e nessun bollettino pagato. Tutte queste presunte violazioni hanno indotto Mistretta a rassegnare le dimissioni. Ha ringraziato tutti parlando di due anni ricchi di soddisfazioni per lo sport castellammarese, che perde un valido e appassionato dirigente che ritiene “di essere consapevole di avere disturbato coloro i quali, per tanto tempo e senza alcun titolo detenevano le chiavi dello stadio”.  Una grossa grana per il calcio castellammarese con eventi forse precipitati dopo la gara tra Alba Alcamo e Parmoval. Alba Alcamo senza campo per le emergenze del Catella, fondo campo, spogliatoi carenti e servizi igienici indecorosi. Domenica scorsa a Castellammare per Alcamo –Pamonval, sugli spalti anche il sindaco Surdi ed assessori. Ciò potrebbe essere un segnale di collaborazione con la dirigenza bianconera che da tempo invoca la disponibilità del Catella.