Cardiologia a Mazara del Vallo, niente manutenzione pace-maker. Protesta l’A.I.P.A.

Non è soltanto il reparto del del San Vito e Santi Spirito Alcamo a soffrire di carenza di personale e di servizi. Anche la cardiologia dell’Abele Ajello di Mazara del Vallo è in sofferenza soprattutto per gli interventi di controllo o di sostituzione di pacemaker e defibrillatori. Un servizio che negli ultimi tempi non verrebbero più programmato e gli utenti che ne hanno bisogno vengono rimandati indietro senza alcun appuntamento. A sostenerlo è Giacomo Anselmo, presidente della sezione mazarese dell’AIPA, l’Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati, che ha inviato una lettere di lamentele e di preoccupazioni al commissario dell’ASP di Trapani, alla direzione sanitaria aziendale e ai vertici dell’ospedale di Mazara del Vallo.

“L’unità operativa di cardiologia dell’Abele Ajello – scrive Anselmo –  una volta era considerata per efficienza e qualità il “fiore all’occhiello della sanità provinciale” e tra i primi reparti a livello regionale”. Adesso invece, continua il presidente dell’associazione, “siamo costretti per un impianto o anche per un semplice controllo dei pacemaker già impiantati, a rivolgerci presso altri Ospedali perché in quello mazarese non esiste più alcuna programmazione”.

La cardiologia dell’Abele Ajello, come quella del San Vito e Santo Spirito, ha un organico di personale medico e paramedico nettamente al di sotto del fabbisogno e proprio questo potrebbe esserci alla base di tali disservizi. “Sulla stampa e nelle tv locali – afferma amaramente Giacomo Anselmo – ogni giorno assistiamo sull’argomento a prese di posizione, e contrapposizioni, da parte delle varie forze politiche, ma nessuno chiede o da risposte sulle reali motivazioni di tali disfunzioni che riguardano strumentazioni salva-vita”. Chiediamo quindi con fermezza – conclude l’AIPA di Mazara del Vallo – che il governo regionale e tutte le forze politiche, sollecitino l’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani ad individuare eventuali responsabilità.