Canapa indiana coltivata in serra

    0
    829

    Ennesimo rinvenimento di una piantagione di canapa indiana.

    Ad operare, questa volta, i Carabinieri di Partinico che ieri, nel corso di una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di un commerciante partinicese di 40 anni, Massimiliano Lo Baido, hanno scoperto una vera e propria serra per la coltivazione di cannabis.

     

    Nel sottotetto della casa l’uomo aveva posizionato un armadio termico al quale erano collegati dei cavi elettrici che alimentavano, al suo interno, una grossa lampada al sodio alogena temporizzata, dalla quale fuoriuscivano due tubi in alluminio utilizzati per la ventilazione della serra.

     

    All’interno dell’armadio termico sono state trovate otto piante verdi di canapa indiana alte circa 70 centimetri, già arrivate a maturazione, contenute all’interno di altrettanti vasi e ben abbeverate e, a terra, sempre all’interno della tenda, circa 16 grammi di marijuana in fase di essicazione.

     

    Vicino all’armadio termico, una trentina di bottiglie in plastica, presumibilmente utilizzate per abbeverare le piante, e una scatola di fertilizzanti. Tutto il materiale utilizzato per il funzionamento della serra a ciclo continuo e per la cura e la crescita accelerata delle piante, e le stesse piante e foglie in fase di essicazione, sono state sequestrate.

    Massimiliano Lo Baido è stato dichiarato in arresto per il reato di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente del tipo cannabis e, su disposizione dell’A.G., tradotto presso la propria abitazione, agli arresti domiciliari.