Campionati fermi fino a quando? Ipotesi congelamento delle classifiche

Altro week-end senza sport. Dal calcio al basket, dalla pallamano al volley passando da tutte le altre discipline sportive. Lo stop imposto dal Coni arriverà fino a venerdì 3 aprile ma potrebbe anche essere prorogato fino a dopo Pasqua. Alcuni tornei avevano provato a giocare regolarmente garantendo le visite mediche a coloro che entravano in campo. Ci avevano provato il calcio professionistico, anche la pallacanestro di A/1 e A/2, con Trapani che aveva battuto la capolista Torino, la pallamano con la TH alcamo che aveva disputato la prima giornata della fase ad orologio superando il Cus Palermo. Nessuna gara a porte chiuse era stata invece autorizzata per il basket regionale, anche a livello giovanile.

Cosa accadrà adesso è davvero difficile ipotizzarlo. Non parliamo dell’epidemia ma della ripresa dei campionati, se mai si dovesse verificare. Infatti c’è anche questa possibilità, vale a dire quella che ipotizza lo stop definitivo di tutte le attività sportive. Non sarà semplice poi mettere d’accordo i vari organismi su cosa fare in caso di congelamento delle attuali classifiche. Si potrebbero assegnare titoli e scudetti rifacendosi all’attuale classifica ma questa evenienza potrebbe scatenare un putiferio di polemiche. Allora si potrebbe pensare ad annullare tutto, anche retrocessioni e promozioni, ma anche questo sarebbe assolutamente ingiusto magari per quelle squadre che hanno in classifica già un vantaggio enorme, difficile da ripetersi il prossimo anno.

In un quadro di emergenza i problemi dello sport potrebbero essere quelli minori ma il coronavirus ha anche purtroppo fermato l’attività fisica e assolutamente salubre di migliaia di giovani ragazzi. Tutti si ritroveranno al prossimo anno avendo perduto la consueta crescita tecnica, umana e soprattutto l’attività fisica e lo spirito di squadra, quello di essere un team e di rispettare le sue regole interne. per adesso c’è poco da fare, bisogna fin da ora pensare a ripartire a prescindere dalle soluzioni delle varie federazioni che potrebbero avvantaggiare questa o quell’altra squadra. L’entusiasmo dello sport dovrà trascinare tutto il resto, come spesso è stato nel recente passato.