Campagna di prevenzione per il gioco d’azzardo in provincia di Trapani, protagonista anche Alcamo

0
649

Gioco d’azzardo patologico.  Una vera e propria emergenza sociale per le migliaia di persone, anche giovanissimi, succubi ormai di quella che è una vera e propria patologia. Il Sert di Alcamo, diretto dal dottor Guido con la sua equipe, su questi e altri argomenti che riguardano le dipendenze, è all’avanguardia e non solo in Sicilia. E proprio il dottor Faillace  è stato nominato dall’Asp di Trapani, referente  per tutte le attività correlate  al progetto per la cura e dipendenza da Gap, ovvero gioco d’azzardo patologico. Per portare avanti tutte le iniziative progettuali, in provincia di Trapani,  è stato assegnato all’Asp, il contributo di 350 mila euro. Con tale somma, oltre a potenziare l numero degli operatori, per tutto il 2017 sarà monitorato il problema delle dipendenze dal gioco d’azzardo con iniziative per la prevenzione e cure. Intanto a fine mese saranno presentati ad Alcamo i risultati  dei seimila questionari, che hanno coinvolto gli studenti delle scuole superiori dei distretti di Alcamo e Marsala. Il monitoraggio dei dati è stato affidato ali specialisti dell’università di Pavia. Il gioco d’azzardo è diventato una sorta di vera e propria epidemia con gravissime conseguenze: famiglie rovinate, liti e divorzi, e spesso la richiesta di soldi agli usurai, che come dei veri vampiri, succhiano tutti gli averi di quel disgraziato che dal gioco d’azzardo non riesce più a venirne fuori. E genitori spesso agiscono con leggerezza facendo “grattare” i figli spesso minorenni col rischio poi di farli finire in questi perversi ingranaggi. Istituzioni, famiglie e chiesa dovrebbero vigilare con rigore per cercare di evitare che persone finiscano tra le grinfie del gioco d’azzardo rovinando la propria vita, quella dei propri cari con gravi ripercussioni per tutta la società.  Intendiamoci se qualcuno pensa di risolvere i propri problemi economici giocando ai videopoker e comprendo i gratti e vinci, che infestano, soprattutto le tabaccherie,  hanno completamente sbagliato strada. Se mettessero da parte i soldi spesi ogni giorno per giocare d’azzardo a fine mese si ritroverebbero con un bel gruzzolo.