Calcio/eccellenza – L’Alcamo espugna il campo del Kamarat

 

L’Alba Alcamo esce a testa alta dalla difficile trasferta in terra agrigentina dove è andata ad incontrare il Kamarat che ha battuto  per uno a zero grazie ad un gol realizzato all’inizio del secondo tempo da Catania che ha impeccabilmente battuto un calcio di rigore. Partita sostanzialmente equilibrata con recriminazioni da una parte e dall’altra per alcune scelte del direttore di gara, bersaglio di una contestazione a fine partita da persone locali.  L’Alba Alcamo ben schierato in campo ha corso pochissimi rischi e poteva subire un gol a causa di un errore del portiere Croce che ha sostituito l’infortunato Zummo. L’estremo difensore bianconero è stato protagonista di buoni interventi e merita la sufficienza. I tre punti conquistati a Cammarata sono il frutto del lavoro di tutti, lavoro diretto da Giuseppe Guida. I tre punti denotano una crescita dell’Alba Alcamo che domenica prossima al Catella, ma il condizionale è d’obbligo sull’uso del polisportivo di contrada Timpe Rossi, dovrebbe affrontare il Campofranco. Ma tutto dipende dalle decisioni della Commissione provinciale sui pubblici spettacoli che effettuerà un sopralluogo mercoledì prossimo. Già effettuati alcuni interventi sia negli spogliatoi che sul rettangolo di gioco. Con i tre punti conquistati contro il Kamarat l’Alba Alcamo raggiunge la quarta posizione e si trova a cinque punti dalla capolista Marsala. La società del dimissionario Baldo Marchese, società retta dal vice Giuseppe Milotta, spera di potere avere a disposizione da domenica e per tutto il campionato lo stadio Catella. Un appello viene rivolto anche ai tifosi di essere presenti numerosi nella tribuna del Catella perché per raggiungere importanti traguardi occorre l’apporto dei sostenitori, che rappresentano il dodicesimo uomo in campo.