Calcio giovanile-Torneo “Costa Gaia”, una storia lunga 30 anni

0
756

 

Il riconoscimento più importante è venuto dalla Presidenza della Repubblica. Quattro anni fa, durante la cerimonia di presentazione dell’Atri Cup, Torneo internazionale di calcio e altri sport (una sorta di mini olimpiade), che si svolge nella ridente e accogliente cittadina in provincia di Teramo, all’Adelkam è stata conferita l’alta onorificenza con consegna della medaglia del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano per il lavoro svolto a servizio dello sport e soprattutto verso i giovani. Il Torneo “Costa Gaia” spegne con l’edizione 2017 le candeline della Trentesima edizione. E’ sufficiente visitare la sede, che si trova in alcuni locali della Pia Opera Pastore, per rendersi conto del lavoro svolto. Oltre duemila tra coppe e trofei, conquistati dall’Adelkam in Italia e all’estero, testimoniano i successi tanto che l’Associazione, diretta da Gaetano Lo Monaco, è corteggiata ed invitata a tutti i tornei di calcio riservati ai ragazzi. L’Adelkam porta in giro il buon nome della città di Alcamo, dove tantissime società vogliono partecipare al torneo che si svolge da 2 al sei gennaio, ma non se ne possono accogliere più di 200. Una cifra enorme con un seguito di persone tra giovani calciatori, dirigenti, allenatori e spesso familiari al seguito, che superano le mille unità. Alberghi e ristoranti pieni e non solo ad Alcamo la cui capacità ricettiva risulta tutta esaurita. Un momento di aggregazione giovanile e non solo perché il Costa Gaia rappresenta  un grande spot per promuovere le bellezze di Alcamo e dei Comuni che si affacciano sul Golfo di Castellammare. Grande movimento di persone, ma soprattutto di ragazzi che calcano i campi all’insegna del sano agonismo e cementano nuove amicizie. Da New York al Panama Dalla Spagna all’Ungheria, Germania e Unione Sovietica, Canada, e tante altre nazioni hanno sfilato con il loro gonfalone per le vie di Alcamo. Da Gianni Rivera a Italo Cucci e poi tantissimi allenatori e giocatori di serie A e B non sono mai mancati alla cerimonia di presentazione che quest’anno si svolgerà il 19 dicembre al centro congressi Marconi. Nell’albo d’oro figurano, tra gli altri, Torino, Juventus, Fiorentina, Palermo etc. Tanti giovani dell’Adelkam hanno e vestono maglie livello professionistico. E ricordiamo che l’Adelkam ha vinto quest’anno il titolo italiano nella Gazzetta cup con finali disputate all’Olimpico di Roma. Alle varie cerimonie presenti esponenti di tutti i colori politici per quella grande festa, con i gradini del Catella, tutti occupati, per le finali del sei gennaio. Ad Alcamo tutte e 29 le edizioni fin qui svolte sono state seguite con particolare attenzione dagli amministratori comunali, e consigli comunali e commissari comunali compresi. Il Costa Gaia è una vetrina troppo importante per Alcamo ed è la principale manifestazione con un ritorno economico e promozionale per le migliaia di presenze. Grande l’attenzione dei mass media e anche dei giornali regionali che riportano le cronache delle squadre delle varie città di provenienza. L’impegno dell’Asd Akelkam e il ruolo determinante della Conad garantiranno lo svolgimento della Trentesima edizione. La Conad, una grande azienda con oltre tre mila punti vendita in Italia, in attività da 54 anni,  ha sempre puntato su un forte legame col territorio ed a iniziative sociali rivolte ai giovani e ci tiene al Costa Gaia. E le Istituzioni locali a firma cinque stelle ? L’assenza del Comune avrebbe il gusto dell’autolesionismo puro perché il Costa Gaia è un patrimonio, in primo luogo, della città di Alcamo e il primo a sostenerlo dovrebbero essere gli amministratori in carica. Intanto l’Adelkam ha deciso che non si farà la sfilata, un vero peccato non vedere sfilare migliaia di giovani con i cartelli delle città di provenienza. Che il torneo lo farà in collaborazione con la Conad. Nessun logo nei manifesti del Comune di Alcamo. E mentre monta lo sbigottimento un gruppo di operatori commerciali, che comprendono la valenza del Costa Gaia, già hanno manifestato la volontà di collaborare con l’Adelkam iniziando dall’acquisto delle coppe.