Calcio-Alba Alcamo, nulla di fatto nell’incontro al Comune

Resta ferma al palo qualsiasi decisione da parte dell’amministrazione comunale di Alcamo, che ha deciso di prendere tempo per vagliare tutti gli aspetti della disponibilità dello stadio Lelio Catella e cercare di risolvere i problemi. E’ quanto emerso ieri mattina durante l’incontro al Comune che il sindaco Domenico Surdi ha avuto con una delegazione dell’Alba Alcamo, capeggiata dal presidente Baldo Marchese.  Dal punto di vista burocratico bisogna che il Comune esamini bene prima la situazione per concedere una stanza al Catella da utilizzare come magazzino, chiesta dall’Alba Alcamo, ma certo non è questo l’aspetto principale e riguarda soprattutto il fondo campo, la manutenzione degli spogliatoi e i servizi igienici. E’ stato assicurato che entro il 18 settembre si potrà giocare al Catella. Cosa che appare improbabile tanto che per la seconda giornata di campionato l’Alba Alcamo giocherà contro il Licata a Castellammare, dove fra l’altro è scoppiata la grana dell’uso dello stadio. I dirigenti dell’Alcamo hanno messo su una squara in grado di lottare per il salto di categoria. Ma ai piloti, ovvero allenatore e giocatori, manca la macchina ovvero lo stadio. Nel corso della riunione ci sono stati momenti di tensione poi superati e lo stesso presidente bianconero sta valutando la possibilità di stabilirsi definitivamente a Castellammare per tutte le gare del campionato. Situazione difficile dunque nell’Alba Alcamo che da luglio bussa alla porte del Comune per cercare di risolvere il problema dell’impianto sportivo, ovvero del Catella. Ma pare che occorra ancora del tempo. Intanto domenica prossima l’Alcamo debutterà per il campionato d’ Eccellenza a Castelbuono. Poi due gare casalinghe, si fa per dire, contro due storiche avversarie: Licata e Marsala. Prosegue intanto la preparazione e oggi alle 19 l’Alba Alcamo giocherà a Calatafimi un’amichevole contro la locale squadra. Proseguono e si intensificano i rapporti tra Alba Alcamo e Trapani per quanto riguarda i settori giovanili. Tanti progetti e tante ambizioni per l’Alba Alcamo, che non può decollare per la mancanza di un campo di calcio nella sua città.