Calatafimi–Segesta-Si insedia la nuova Giunta comunale

0
439

 

Si è insediata questa mattina nel Palazzo Municipale di Calatafimi-Segesta la nuova Giunta. Secondo quello che aveva espressamente indicato nella determina di revoca della precedente squadra assessoriale, l’intento di Vito Sciortino era «quello di ridare impulso all’azione amministrativa, rafforzare la rappresentatività dell’organo esecutivo stante l’intervenuta decadenza del Consiglio Comunale ed implementare il perseguimento degli obiettivi strategici contenuti nel programma di mandato». Ridare, in sintesi, alla politica quello spazio che lo scioglimento del massimo consesso cittadino le aveva sottratto. «Affido alla galanteria del tempo il giudizio circa la bontà della scelta – afferma il sindaco in una nota-, ma nel contempo diffido delle previsioni di quelle cassandre che, sol perché prive della possibilità di dare un contributo, si apprestano gratuitamente a dipingere scenari apocalittici. Stare a guardare – commenta –  è molto più comodo e conveniente che mettersi in gioco».

La scelta è ricaduta su: Gioacchino Tobia, unico assessore confermato, di Alternativa Popolare; Maria Gandolfo, in rappresentanza del Partito Democratico; Manuela Fanara, indicata dall’UDC; Roberto Palmeri espressione della società civile e dell’associazionismo, individuato e scelto direttamente dal sindaco. Il quale tiene a sottolineare che «l’azzeramento dell’Organo Esecutivo non era stato in alcun modo dettato da qualsivoglia problema interno ai suoi componenti» precisando «che non si avvertiva alcun bisogno di “cambiare aria” all’interno della compagine dell’Esecutivo». Sul lavoro portato avanti dalla Giunta precedente, il sindaco parla di «grande senso di abnegazione» e annuncia che sta preparando un’apposita minuziosa relazione sulle attività del triennio da portare a conoscenza di tutti. Il primo cittadino si dichiara molto soddisfatto per le scelte operate dalle formazioni politiche ed è «fortemente convinto che la nuova Giunta, nel positivo solco della precedente, saprà rispondere alle tante aspettative». «La nuova Giunta – afferma infine – parte con lo svantaggio di doversi misurare con l’ottimo lavoro svolto dalla precedente, ma si avvantaggia del valore competitivo rappresentato dal supporto delle formazioni politiche e dei gruppi organizzati, che dovranno costantemente dispensare quegli stimoli necessari per garantire l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa».