Calatafimi-Segesta: “Orchestre Giovanili per la Pace”, dall’1 al 3 giugno al Teatro antico

0
515

Si svolgerà al teatro antico di Segesta, dall’1 al 3 giugno, il Festival Internazionale “Orchestre Giovanili per la Pace”: l’iniziativa è del liceo musicale Vito Fazio Allmayer di Alcamo, reduce appena venerdì scorso dell’originale concerto tenuto dai suoi studenti all’interno della riserva naturale dello Zingaro, un altro dei luoghi più suggestivi del territorio. Il Festival è organizzato insieme al Comune di Calatafimi Segesta e al Parco archeologico, nell’ambito della 5^ edizione del Progetto “Il Cammino della Speranza”, che inaugurerà le Dionisiache 2017.  Si debutta giovedì prossimo 1° giugno alle ore 18.00 con un concerto congiunto del Coro e delle Orchestre Sinfoniche dei Licei Musicali “Allmayer” e “Carducci – Dante” di Trieste, e la partecipazione straordinaria del pluricampione del mondo di fisarmonica M° Pietro Adragna. Sarà, inoltre, presentato il libro “Sapori di Vita” del progetto della rete delle scuole carcerarie del “Cammino della Speranza”. Il 2 giugno, sempre alle 18.00, in programma un vero e proprio spettacolo con il coinvolgiemnto di più di centosettanta giovanissimi coristi, musicisti e ballerini italiani e libanesi. A chiudere la rassegna musicale, sabato 3 giugno l’Orchestra di Fiati del Liceo Musicale “G. Verga” di Modica: tra i protagonisti anche un gruppo di abilissimi percussionisti. «Il percorso del Festival Internazionale “Orchestre Giovanili per la Pace” – afferma il dirigente scolastico dell’istituto alcamese, Vito Emilio Piccichè – affonda le sue radici nella magnifica esperienza di ideazione e costituzione, da parte della nostra istituzione scolastica, dell’Orchestra Giovanile del Mediterraneo, formata dagli alunni del Liceo Musicale “Regina Margherita” di Palermo e dei Conservatori di musica di Beirut, Atene e Tunisi. L’Orchestra Giovanile del Mediterraneo – ricorda Piccichè – il 18 maggio 2013 debuttava al Teatro Antico di Segesta, in un memorabile concerto che ci ha spinto a pensare questo splendido luogo come la cornice naturale ed ideale per il Festival Internazionale delle Orchestre Giovanili, unite da una esigenza profonda e fondamentale: la pace».