Cala Rossa, “divieto” abusivo di parcheggio

Paletti artigianali piantati nel terreno, un nastro che li cinge, delle pedane in legno e dei grossi sassi: tutto, probabilmente, per impedire alle auto di parcheggiare. È quello che si verificherebbe puntualmente ogni anno nei pressi della splendida Cala Rossa a Castellammare del Golfo e, immancabilmente, anche quest’anno, come ci viene segnalato da un telespettatore, con tanto di documentazione fotografica – risalente a ieri mattina – dell’ “allestimento”.2 Una missiva arrivata in redazione e inviata contestualmente al sindaco di Castellammare del Golfo, agli assessori alla Polizia Municipale, all’Ambiente, al Turismo, al presidente del Consiglio Comunale, all’Urp, al comandante della Polizia Municipale, al Commissariato di Polizia di Stato, alla Capitaneria di Porto e all’associazione CambiaMenti.

Il nostro utente, che si dice un assiduo frequentatore della bellissima zona di mare, riferisce che i picchetti e tutto l’armamentario che si vede nelle immagini – come avviene ogni stagione, anche se poi dopo regolare segnalazione vengono ogni volta rimossi – sono ricomparsi da qualche giorno sul ciglio della strada, proprio laddove solitamente stazionavano le auto di coloro che intendevano dirigersi verso la piccola baia nella zona di Guidaloca, lasciando comunque, sottolinea, “spazio abbondante per il passaggio”. “Tutto ciò – si legge nel documento – dovrebbe impedire il posteggio delle vetture e “costringere” a servirsi di un parcheggio A PAGAMENTO all’aperto, sorto alla fine della stradella”.

Non resta che chiedersi se tale installazione sia legittima o se, in caso contrario, non siano necessarie delle autorizzazioni; “se sia corretto costringere chi vuole andare al mare a pagare per lasciare l’auto nello spiazzo-parcheggio – scrive ancora il telespettatore – quando ai bordi della strada c’è spazio sufficiente da lasciare il passaggio”.

Da qui la richiesta di un eventuale intervento ai destinatari della segnalazione, qualora l’apposizione di questi ostacoli non risultasse legittima.3

Dal Comando della polizia municipale di Castellammare del Golfo, sentito questa mattina, intanto ci hanno assicurato che, preso atto dell’esposto, i vigili urbani si recheranno senz’altro sul posto per verificare la situazione ed agire di conseguenza.