Boom di guarigioni nel trapanese, 46 negativizzazioni. Otto guariscono ad Alcamo

Da 315 a 269 attualmente positivi, in provincia di Trapani i dati premiano gli enormi sforzi del personale ASP e i sacrifici dei ‘quarantenati’ che hanno rispettato l’isolamento. Qualcuno che prova a fare il furbo c’è sempre e soprattutto troppo spesso non ri rispettano le norme anti-contagio: mascherina regolarmente indossata, distanza inter-personale, disinfezione delle mani e sanificazione dei locali pubblici.

Nel trapanese la curva è scesa in picchiata nonostante ben 430 tamponi analizzati, 300 test per ricerca antigene e una decina di test sierologici. L’ultimo bollettino non ha segnalato alcun ricovero in più rispetto alle precedenti 24 ore e nessun decesso (i morti in questa seconda ondata restano 4). Molto pazienti si sono liberati dal virus tant’è che in isolamento obbligatorio ci sono, in tutta la provincia, 248 persone rispetto alle 294 di ieri.

Il record di negativizzazioni spetta a Trapani che ne ha registrato 9 in un sol colpo portando il numero complessivo da 50 a 41. Segue Alcamo con 8 pazienti negativizzatisi e un totale aggiornato di 25 attualmente positivi. Dato importante anche ad Erice (-7) e Marsala (-4). Tre guariti rispettivamente a Buseto Palizzolo e Castellammare del Golfo, due a Calatafimi, Valderice, Santa Nifa, Petrosino e Salemi. Quest’ultima cittadina belicina, sede di un paio di focolai (un ristorante e una casa di riposo per anziani) è scesa da 68 a 66.