Baskin, sport che include davvero tutti. Tra i partecipanti a Trapani anche giovani migranti (VIDEO)

Ogni sabato pomeriggio, da alcune settimane, l’associazione Granata Basket Club tiene, a Trapani, allenamenti di baskin. Coinvolti anche alcuni beneficiari del progetto S.A.I. di Valderice, gestito dalla cooperativa sociale Badia Grande. Il baskin è una nuova disciplina che si ispira alla pallacanestro e che ha un regolamento composto da dieci semplici articoli. Un nuovo sport pensato per permettere a giovani normodotati e giovani disabili di giocare nella stessa squadra (composta sia maschi che femmine). Possono partecipare attivamente giocatori con qualsiasi tipo di disabilità (fisica o mentale) che consenta il tiro a canestro.  Si mette così in discussione la rigida struttura degli sport ufficiali e la nuova proposta diventa un laboratorio di società.

L’associazione Granata Basket Club, presieduta da Alessandro Aiello e che utilizza la palestra della scuola Marconi a Trapani, si è formata nel 2020,  in piena pandemia, grazie ad un gruppo di appassionati di basket che coltivano un comune impegno verso il sociale. Le attività, ogni sabato, coinvolgono più di 60 persone di ogni età e con diverse abilità e competenze che interagiscono attraverso lo sport. Tra i partecipanti agli allenamenti anche Motiur, Aden, Houssem e Azizi del centro di accoglienza valdericino di Badia Grande.