Balestrate: via Mazzini, lavori a settembre

BALESTRATE. A settembre l’apertura del cantiere per il rifacimento della via Mazzini. Si partirà per l’esattezza l’1 settembre e si vedrà realizzare un’importante intervento in un’arteria di snodo tra le più importanti del paese, purtroppo tristemente conosciuta perché negli anni è stata teatro di tanti incidenti, alcuni anche dall’epilogo tragico: “Finalmente dopo 6 anni dal finanziamento – afferma Vito Rizzo, esponente del movimento in consiglio comunale “Spazio comune” – partirà questa importante opera pubblica di sicurezza stradale”. E’ stato il sindaco Totò Milazzo, suo malgrado, ad essere stato costretto a sospendere momentaneamente i lavori: “Il comando di polizia municipale – sostiene il primo cittadino – ha evidenziato in una nota l’impossibilità di chiusura al traffico della via Mazzini, in quanto fino al prossimo 30 agosto l’altra arteria principale del paese, la via Madonna del Ponte, è anch’essa chiusa al traffico e conseguentemente la via Mazzini è interessata dal traffico in entrata ed uscita dal centro urbano”. In parole povere si rischiava l’assoluto congestionamento del traffico veicolare. Sarà l’impresa Loveral srl di Patti, nel messinese, a riaprire a settembre il cantiere per un progetto complessivo del valore di oltre mezzo milione di euro di cui 487 mila a carico della Regione e altri 146 mila invece a carico del Comune. Il via libera al finanziamento è arrivato attraverso l’assessorato regionale delle Infrastrutture, della mobilità e dei trasporti che ha accordato il finanziamento. Il progetto, che rientra nell’ambito del piano di “traffic calming”, ha subito una serie di accelerazioni e stop a causa di tutta una serie di impedimenti di carattere burocratico e politico. Nell’ultimo periodo è arrivata la decisa accelerazione anche da parte del Comune balestratese che, dopo avere ricevuto l’ok della Regione, ha anche approvato una rimodulazione dei prezzi ed ha accettato le prescrizioni imposte dagli uffici preposti del governo regionale. In particolare saranno attuati il primo ed il secondo programma del piano nazionale della sicurezza. Il primo riguarda la redazione del piano urbano del traffico. Lo studio si articolerà in tre fasi: classificazione della rete stradale, raccolta ed elaborazione dei dati sociali e di traffico e costruzione e calibrazione del modello allo stato di fatto. Il secondo riguarda invece la redazione del rapporto di “Safety Audit” per l’analisi di sicurezza delle strade. Ad essere incaricati di quest’ultimo aspetto saranno due tecnici, così come previsto nelle linee guida delle analisi di sicurezza delle strade dell’Ispettorato Generale per la circolazione e la sicurezza stradale, che formeranno un gruppo di analisi.

pattern the youngsters via dubai which can attempt 10
woolrich jassen dames Moto new Flipout review and how to enjoy DVD

While there was grumbling from fans of the classic OVA series
woolrich parkaCrew x Nike Killshot 2