Balestrate, tares: tanti errori e niente sconti

0
386

BALESTRATE. Possibili errori di calcolo nell’emissione della tares, la tassa sui rifiuti solidi urbani. Lo ammettono anche gli uffici che ci possano essere stati alcuni “disallineamenti di dati”, in parte comunque già verificati e risolti. Ma di possibilità che il tributo possa essere diminuito per effetto di alcune contestazioni di servizi non svolti nemmeno a parlarne. Questa in sintesi la risposta della Direzione programmazione economico-finanziaria del Comune, che ha curato per l’appunto il calcolo del tributo, al comitato di cittadini balestratesi che hanno anche portato avanti una petizione che ha raggiunto quasi le 700 firme. Iniziativa nata sull’onta della protesta per i recapito delle cartelle della tares, alcune delle quali davvero salatissime. Il comitato addirittura denunciò l’emissione di tributi maggiorati del 300 per cento. Casi come questi, come confermato dal sindaco Totò Milazzo, sono imputabili ad errori di calcolo: “Abbiamo operato in situazione di disagio per il passaggio del tributo da Tarsu a Tares – ammette il responsabile della Direzione, il ragioniere Gaetano Billante – e ciò ha potuto causare qualche disallineamento di dati. Sono state fatte delle verifiche a campione nonostante il tempo limitato a disposizione”. Sul ricarico di costi dell’Ato, ente che svolge il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, sulle bollette dal Comune sottolineano che è stato effettuato in base al bilancio 2012 e su ben precise normative. Sulla contestazione dei servizi non erogati la risposta è alquanto burocratese: “Sono costi in massima parte rappresentati da imposte, tasse, interessi e spese di personale operativo”. Tradotto vuol dire che non c’è trippa per gatti, vanno considerati tali e quali. Per il resto è stato sottolineato che il calcolo della tares per proprietà di immobili non abitati è stato effettuato come da regolamento. I componenti del comitato affidano ogni commento su facebook: “Tali risposte, seppur esaustive a livello tecnico, sono monche dal punto di vista politico dato che si avalla ciò che per noi risulta improponibile”. Non vanno giù neanche alle forze di opposizione in consiglio comunale: “Ci saremmo aspettati – sottolinea il leader del gruppo consiliare di Spazio Comune, Vito Rizzo – dei provvedimenti importanti, sulla scorta di quanto fatto dai Comuni che sono passati a tares: sospensione e rateizzazione della rata, agevolazioni per fasce deboli, impegni certi per il prossimo regolamento e per un percorso virtuoso di riduzione dei rifiuti; invece c’è solo una giustificazione dei costi fatturati dall’Ato e poco altro. Dall’amministrazione ci aspettavamo un rilancio, non una risposta al ribasso. Chi amministra ha il dovere di dare risposte e tracciare un percorso, altrimenti ci faremmo guidare da un pool di burocrati. Un ringraziamento -conclude Rizzo- va fatto al comitato di cittadini che ha gestito in maniera egregia la protesta, sempre civile, dei sempre più dissanguati e abbandonati cittadini balestratesi”.

Althea had a great collection
wandtatoos küche Watch Project Runway Season 6 Episode 2

How to Find Old Newspaper Articles Online
burberry scarfHow to Land a Fashion Internship