Balestrate, cambio in giunta

0
391

Cambio di guardia nella giunta guidata dal sindaco Totò Milazzo. A distanza di un anno dalla sua elezione il primo cittadino rimette mano alla giunta modificando un solo tassello. E’ stato infatti nominato Claudio Chimenti, 35 anni, imprenditore, che prende il posto del dimissionario Massimiliano Passaro. La decisione scaturisce essenzialmente da una sorta di rotazione già preventivata in seno alla coalizione che supporta il sindaco, la lista civica “Progetto Balestrate”. Passaro infatti è astato il primo dei non eletti nella lista, con 80 preferenze, mentre subito dietro a lui si è piazzato per numero di consensi proprio Claudio Chimenti con 68 suffragi. Il sindaco, con un’apposita determina, prende atto quindi delle dimissioni di Passaro e contestualmente nomina Chimenti come suo successore. Con ogni probabilità le deleghe di Passaro, allo Sport, Politiche giovanili e Associazionismo, passeranno nelle mani del suo successore: “Ma è anche possibile – sostiene il sindaco – che al neoassessore sarà data un’altra delega ma per questo scioglierò il nodo nei prossimi giorni. Mi devo però ancora raccordare con il resto degli assessori per concertare il tutto”. Milazzo ci tiene a precisare che dietro a questo avvicendamento non c’è alcun caso politico: “Con la mia coalizione – evidenzia – avevo già preso l’impegno che a capo di un assessorato si sarebbero avvicendati tutti gli altri candidati in lista che non sono stati eletti ma che comunque hanno contributo all’affermazione della mia elezione e della vittoria del nostro progetto. Hanno avuto dei consensi importanti da parte del paese che devono essere riconosciuti. Proprio per questo motivo da qua alla fine del mandato ci saranno rotazioni in giunta”. Una scelta politica dunque da “manuale Cencelli”. Intanto il sindaco ha immediatamente provveduto alla nuova nomina ricomponendo il suo scacchiere: Chimenti infatti va ad affiancare il vicesindaco Salvatore Ferrara, con deleghe allo Sviluppo Economico e Pianificazione Urbanistica, Salvatore Bonaviri al Bilancio e Programmazione Economica, e Pietra Chiarenza alla Solidarietà sociale, Pari opportunità, Pubblica istruzione e Cultura.