Bagni alle calette dello Zingaro, da domani si ricomincia. Aprono anche museo ed aree attrezzate

Strutture museali, aree attrezzate e calette, dopo il lock-down causato dal coronavirus, erano rimaste chiuse, alla riserva dello Zingaro, quasi nel silenzio assoluto delle istituzioni, soprattutto dei due comuni interessati, Castellammare del Golfo e San Vito Lo Capo. La notizia, non appena divulgata dalla stampa, una settimana fa, ha scosso le coscienze e così politica e amministratori si sono messi in movimento.

Il commissario regionale per il dissesto idrogeologico ha quindi diramato una nuova ordinanza che consente da domani la riapertura, fin dalle 7 del mattino, dell’accesso allo splendido mare delle calette. Poi, secondo il consueto orario, aprirà
anche la struttura museale. Lo conferma anche il sito internet della riserva naturale orientata dello Zingaro in cui è scritto che da domani, sabato 11 luglio, “Riaprono in sicurezza” le strutture museali, le aree attrezzate e tutte le calette.

La chiusura e quindi il divieto di accesso al mare della Riserva era stato dettato da un’ordinanza regionale che aveva rilevato un
elevato rischio di dissesto idrogeologico riguardante anche molte altri litorali siciliani, nel trapanese pure tratti di costa di Marettimo, Levanzo, Favignana, Pantelleria e Monte Cofano. L’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Totò Cordaro, più di un mese fa ebbe a dire: “Non possiamo chiudere tutto perché
creeremmo parecchi problemi economici alle comunità interessate. Ci sono paesi che vivono del turismo che esiste in queste località di mare”.

Adesso è quindi arrivata la soluzione che in partica dà il via alla stagione turistico-balneare anche nella riserva che sorge a cavallo dei comuni di Castellammare e San Vito, ai piedi di uno
splendido promontorio, dotato di magnifica vegetazione e che degrada verso un mare cristallino che ci invidiano in tutto il mondo. In vista della riapertura di domani la Regione ha anche disposto l’adeguamento delle procedure di sicurezza per il
personale addetto ai servizi di ricezione. Da domani riprenderà anche il pagamento del biglietto d’ingresso.