Attesa per il post-Chianetta. Castellammare a Favara. Vetta affollata in 1 ctg

Sarà il campo, domani, a dire se la Mazarese ha assorbito bene le rivoluzioni di questi giorni. L’impegno di Sciacca sarà comunque tosto. E’ andato via, infatti, il tecnico Ignazio Chianetta per divergenze con i programmi societari. Il suo posto domani sarà preso momentaneamente dall’allenatore in seconda, Antonino Arena. Francesco Tantillo ha invece preso il ruolo di direttore sportivo ricoperto finora da Gerolamo Di Giovanni che ha assunto l’incarico di direttore generale. In quest’ultima veste operava Cosimo Tumbarello che, assieme a Chianetta, entrambi marsalesi, ha lasciato il club giallorosso. L’altra squadra della cittadina mazarese, lo storico Mazara avrà domani la possibilità di risalire ulteriormente la classifica. I canarini riceveranno infatti la Leonfortese, squadra di bassa classifica, ma capace di creare grattacapi gli avversari. Trasferta terribile invece per il Castellammare che dovrà recarsi a far visita alla Pro Favara, proprio la squadra che una settimana fa aveva violato il Nino Vaccara aprendo, di fatto, la crisi tecnica e societaria in casa Mazarese. Agrigentini che occupano la terza posizione a tre punti dalla vetta e castellammaresi che invece sono invece al nono posto ma con appena due punti di margine dalla zona play-out.

E chiudiamo con la prima categoria dove la vetta è ancora occupata dalla Giardinellese con un punto di vantaggio sul Palermo Calcio Popolare. La squadra biancoverde, reduce dalla batosta di Custonaci, riceverà il Bagheria per riprendere il cammino e provare a incrementare la prima piazza. In terza posizione che il San Giorgio Piana, in anticipo a Marsala con la Primavera, mentre in quarta, a tre punti dalla vetta e con una gara in meno, si è attestato l’FC Alcamo, la squadra che gioca al vecchio Maroso, oggi Don Rizzo, nata dal cambio di denominazione, con relativo trasferimento, del Balestrate. Domani il compito per la squadra di Balistreri, contro il Belice Sport, seppur in trasferta, non dovrebbe essere difficile. I partannesi infatti hanno finora vinto due sole gare. Per il resto quattro sconfitte e tre pareggi.