Arriva la Fortitudo, il Comune però non risponde

0
461

Amanti e appassionati del Basket cercano di far ritoranre i fasti di una volta per la pallacanestro femminile dopo i gloriosi anni passati con una squadra in A1 e finalista della Coppa Ronchetti fino all’epilogo amaro degli ultimi tempi. L’intento, dicono alla Fortitudo, era quello di coinvolgere la cittadinanza nello sport sano. La Fortitudo, questo il nome della società sportiva nascente, attende e opera così di riuscire a ricreare con un progetto ampio di pallacanestro femminile ad Alcamo con qualche delusione da parte del comune che aveva assicurato un impegno che fino ad oggi non c’è stato. In pratica dicono alla Fortitudo il loro impegno ha subito una brusca frenata.

 

 

L’assessore allo sport Gianluca Abbinanti risponde alle critiche e dice che “le dichiarazioni del comitato sono assurde e senza fondamento; ho partecipato personalmente a due riunioni e a diversi appuntamenti funzionali, ho anche coinvolto più persone per la buona riuscita del progetto e lo stesso ha fatto il Sindaco, ma se qualcuno ritiene che l’amministrazione sia  un “Bancomat” da usare quando serve, sbaglia priorità modi e tempi ”.

E continua Abbinanti “ho chiesto più volte di conoscere la nuova dirigenza della nascitura Fortitudo Alcamo (in quanto a sua volta chiesto dagli eventuali sponsor) ma non ho ottenuto risposta alcuna”.

Il momento socioeconomico è davvero complicato e l’economia locale non è in grado di supportare un tale ambizioso progetto, nonostante l’amministrazione si sia prodigata nel cercare eventuali sponsor, purtroppo con esiti negativi e nel migliore dei casi, interlocutori.