Amministrative, affluenza ancora in calo nel trapanese

0
322

Vince ancora l’astensionismo per le amministrative. A meno di un recupero prodigioso nella mattinata di oggi, nelle province di Trapani e Palermo, nonostante il boom di candidati a sindaco e consiglieri che ipoteticamente avrebbe dovuto far da maggior traino nei confronti dei cittadini votanti, ancora una volta ha prevalso la linea del non voto. Nei 12 Comuni del trapanese impegnati alle urne alle 22 di ieri, ultimo dato ufficiale reso noto dagli uffici elettorali dei Comuni e dalle prefetture, sono andati al voto in 42 mila e 25, pari al 54,11 per cento: 5 anni prima negli stessi paesi invece erano andati al voto il 54,66 per cento degli aventi diritto, quindi mezzo punto percentuale in più rispetto alle scorse amministrative. Tra le perfomance risalta agli occhi il dato di Castellammare del Golfo dove onestamente ci si aspettava molto di più rispetto ad appena il 2 per cento in più di affluenza che si è registrato. Da considerare che qui c’è stato un vero record di candidati: ben 5 aspiranti primi cittadini e circa 300 che corrono per uno scranno a Palazzo Crociferi. Ad andare a votare in 7 mila e 837 rispetto ai 14 mila e 885 elettori, pari al 52,65 per cento. Altro dato che risalta è invece il +8 per cento di gente che si è recata alle urne a Favignana: in 2 mila e 75 hanno votato sui 4 mila 221 aventi diritto. La contrazione maggiore di votanti si è avuta a Pantelleria dove invece si è registrato un calo di oltre il 4 per cento per effetto dei 3 mila e 173 votanti pari al 47,97 per cento. Per il resto il calo è stato omogeneo ovunque, ed ha oscillato tra l’1 e il 2 per cento. In provincia di Palermo non è andata meglio, anzi: anche qui calo di affluenza con 65 mila 459 elettori che si sono recati alle urne pari al 51,68 per cento. Balza agli occhi, in negativo, anche il dato di Partinico dove sostanzialmente si configura la stessa situazione di Castellammare: ben 8 candidati a sindaco, 669 aspiranti consiglieri, un vero record che mai si era verificato in città. Nonostante questo gran numero di candidati alle urne si sono recati 14 mila 595 elettori, appena il 51,94 per cento. Rispetto alle amministrative del 2008 c’è stato un incremento dello 0,71 per cento quando però ci sono ben 9 liste in più e che contengono all’incirca 250 candidati al consiglio, e ancora altri 3 candidati a sindaco in più rispetto ai 5 del 2008. Nella vicina Borgetto al voto sono andati in 3 mila, il 46,1 per cento, con un calo di affluenza di 3 punti e mezzo.