Alcamo-Scontro violento sulla Sp 55, centauro ferito

E’ di un ferito il bilancio di un incidente avvenuto questa mattina sulla strada provinciale 55 che collega il centro urbano di Alcamo con la zona di Alcamo marina. Uno scontro abbastanza violento che ha visto protagonisti una moto di grossa cilindrata ed un’auto, una Fiat Punto. L’impatto è stato a velocità ed è avvenuto all’altezza dello svincolo autostradale della A-29. Secondo la ricostruzione effettuata dal comando di polizia municipale, intervenuta sul posto per i rilievi, il motore stava uscendo dall’autostrada per immettersi sulla Sp 55 verso Alcamo centro mentre l’auto procedeva in direzione Alcamo marina. Qui, al centro della carreggiata, è avvenuto l’impatto. L’uomo sulla moto, F.P., 48 anni di Alcamo, è stato sbalzato per alcuni metri dalla sella. Illeso invece il conducente dell’auto, V.R. di 50 anni, anch’esso alcamese. Immediato sul posto l’intervento di carabinieri, vigili urbani e dei mezzi di soccorso. Un’ambulanza ha trasportato il centauro all’ospedale “San Vito e Santo Spirito” per accertamenti. Lo scontro è stato sostanzialmente laterale tra i due mezzi. Al momento sono in via di accertamento le cause dell’incidente. I vigili urbani, dopo i rilievi, stanno provvedendo a fare l’esatta ricostruzione dell’episodio. A prima vista pare evidente che ci sia di base la mancata osservazione da parte del centauro del segnale di stop all’uscita dell’autostrada. Comunque anche questa infrazione è al vaglio dell’ufficio infortunistica dei caschi bianchi. Il centauro, a causa del forte impatto con la macchina, è rimasto dolorante a terra sino all’arrivo dell’ambulanza. Per precauzione è rimasto fermo sull’asfalto anche perché non vi era certezza sulla possibilità che abbia riportato qualche frattura. Questo tratto di strada si è dimostrato ad altissima pericolosità ed è stato teatro anche di gravissimi incidenti stradali, alcuni anche mortali. L’ultimo nell’ottobre del 2014 quando morì una donna di 50 anni che alla guida della sua auto fece una terribile carambola che l’ha sballottata tra un muro di cemento armato e un albero secolare. L’anno prima morì sempre un’altra donna di 62 anni però all’altezza della curva ponte. Sempre in questa arteria, nel febbraio di quest’anno vicino ad una pompa di benzina, un’auto si cappottò ad una bimba di due anni finì in coma: fortunatamente si è ripresa dopo una lunga degenza.