Alcamo, vertice per le infiltrazioni d’acqua al nuovo cimitero

0
322

Emergenza infiltrazioni d’acqua nel nuovo cimitero Santissimo Crocifisso di Alcamo. Mentre monta la protesta di una cinquantina di alcamesi, proprietari di fosse gentilizie a dieci posti, e lo scontro tra il consigliere comunale Ignazio Caldarella e l’ingegnere capo Enza Anna Parrino, protagonisti di un botta e risposta al vetriolo, interviene il commissario comunale Giovanni Arnone. Questi ha convocato per domani alle 11 al Comune una riunione con i tecnici incaricati dai proprietari delle aree e delle fosse gentilizie. Dovrebbero essere presenti anche i funzionari addetti ai Servizi cimiteriali. La riunione è stata convocata dopo le sollecitazioni da parte dei proprietari  delle fosse gentilizie dove è affiorata l’acqua, che rischia di far galleggiare e danneggiare le bare. Inoltre numerosi alcamesi hanno acquistato a caro prezzo delle aree, ma non possono costruire a causa di questo problema, che secondo la risposta data a Caldarella, non era prevedibile come da studio della natura dei terreni, prima di affidare i lavori, durati quasi tre anni , dopo un lunghissimo braccio di ferro con i proprietari dei terreni espropriati. Terreni coltivati ad ortaggi, dai quali molti ortolani traevano la principale fonte di guadagno. Il nuovo cimitero è stato oggetto di sopralluoghi da parte della Terza commissione consiliare, che ha evidenziato, una serie di problemi la cui soluzione non è più rinviabile.