Alcamo: tentato stupro, convalidato arresto

ALCAMO – E’ stato convalidato dalla Procura di Trapani l’arresto dell’uomo che nella tarda serata di domenica avrebbe tentato di stuprare una ragazzina di 17 anni, come anticipato in esclusiva ieri dalla nostra emittente. Resta dietro le sbarre Laurentiu Duma, rumeno di 38 anni, accusato di tentata violenza sessuale, minaccia aggravata, porto di strumenti atti ad offendere e resistenza. Oggi emergono nuovi particolari di questa scabrosa vicenda. Duma è stato arrestato dai carabinieri nella flagranza di reato. Il 38enne sarebbe stato incastrato dalle rivelazioni fatte dal fratello della giovane vittima, anch’essi di nazionalità rumena, il quale avrebbe assistito alla scena della tentata violenza. Il fatto si sarebbe consumato in piazza Pittore Renda: secondo la ricostruzione del testimone Duma avrebbe afferrato con violenza la 17enne, approfittandosi della zona semibuia e della tarda ora, quindi con pochissima gente in giro. Il fratello della ragazza da una panineria avrebbe assistito alla scena: si è quindi subito catapultato fuori per cercare di sottrarre la sorella dalle grinfie del connazionale ma quest’ultimo lo avrebbe prima aggredito e poi minacciato con un grosso cacciavite. Il fratello della ragazzina ha quindi chiamato immediatamente i carabinieri che sono accorsi sul posto e hanno assistito alla colluttazione tra i due. E’ dunque scattato l’arresto per Duma a cui, processato per direttissima, è stato convalidato l’arresto dal pubblico ministero Paolo Di Sciuva. Parallelamente questo arresto è maturato nell’ambito di un piano straordinario di controllo del territorio nel centro storico per contrastare la cosiddetta movida selvaggia. In questo contesto è stato chiuso un locale e sanzionato con una maximulta di 11 mila euro perché all’interno vi lavoravano completamente in nero due persone; scattata anche una denuncia nei confronti di un alcamese di 41 anni per guida in stato di ebbrezza. Salgono con questo a 12 i servizi straordinari di controllo del territorio predisposti dai Carabinieri della Compagnia di Alcamo dall’inizio dell’anno, la media di uno a settimana. In totale durante questi controlli sono state fermate ed identificate circa 2.000 persone e controllati oltre 1.200 veicoli, denunciando alla Procura della Repubblica 24 persone per svariate tipologie di reati.