Alcamo: Tares, il PD chiede di relazionare in Consiglio

Ad Alcamo le polemiche dopo le proteste dei cittadini per le bollette della Tares hanno investito anche i partiti della maggioranza e anche all’interno degli stessi partiti.

A cominciare dal PD che è il partito che appoggia più corposamente la giunta Bonventre.

Dall’assemblea cittadina alla Palestra Verga, alla sortita dei cittadini, oltre un migliaio, al Consiglio Comunale e fuori di fronte il Comune e qualche battibecco interno al partito, hanno ora provocato nel PD una presa di posizione con un comunicato ufficiale che però poco dice sull’esosità delle bollette, l’oggetto rilevante e principale delle proteste, ma si sofferma essenzialmente sugli errori, errori che già l’Assessore Abbinanti aveva evidenziato dichiarando che non ci saranno sanzioni per gli eventuali ritardatari e ha invitato i cittadini a recarsi negli uffici comunali preporti per chiarire e correggere gli errori.

Sulla questione rifiuti inoltre il PD torna sulla questione dele isole ecologiche, ferme da oltre un anno e mezzo, inaugurate come al solito in pompa magna con la promessa, tesserina magnetica spedita a casa compresa, che utilizzandole i cittadini avrebbero avuto un risparmio sulla bolletta. Ma non funzionando da oltre un anno e mezzo il risparmio è rimasto ovviamente una promessa mancata con tanti che avrebbero voluto utilizzarle, le isole ecologiche, ma sono rimasti, i cittadini, ad attendere la raccolta differenziata a casa nel porta a porta.

Il PD ha esortato sia il Sindaco Bonventre che l’assessore al ramo, Paglino, ad approfondire, si legge, ed analizzarela dinamica del costo del servizio ed attivare nel più breve tempo possibile le isole ecologiche.

Della questione, segnalata a suo tempo da noi, se ne era interessato a quanto pare l’ex assessore Massimo Fundarò che aveva aperto un contenzioso con l’Aimeri che, dal canto suo faceva sapere, secondo Fundarò, che era un problema di sotware delle isole ecologiche da sistemare.

E sono passati quasi due anni però e questo software ancora non viene sistemato, sempre che questa sia la questione reale.

Il PD inoltre ha chiesto che l’amministrazione relazioni in Consiglio Comunale su cause ed entità degli eventuali errori esistenti nelle bollette.

La cosa ricorda quela simile delle bollette ICI arrivate sballate a molti cittadini con il Comune che prima nicchiò e poi ammise gli errori contabili sanando la questione. Ora si spera che avvenga la stessa cosa.