Alcamo, stretta controlli di carabinieri e polizia

0
461

Oltre 200 persone identificate, un centinaio di veicoli fermati, due denunciati, l’applicazione di una sorveglianza speciale e decine di multe. Carabinieri e polizia ad Alcamo hanno dato vita all’ennesima stretta di controlli del territorio sguinzagliando complessivamente 13 pattuglie e una trentina tra militari e agenti. Il risultato è stato quello di mettere letteralmente sotto assedio principalmente Alcamo e anche i vicini territori di Castellammare del Golfo e Calatafimi. nello specifico i carabinieri hanno incentrato i loro controlli sulla persone sottoposte agli arresti domiciliari, sul controllo agli esercizi pubblici, dei luoghi di aggregazione più frequentati dai giovani, quali piazze, bar e giardini pubblici, nonché sul controllo dei veicoli in transito. Ad essere presidiata anche la movida alcamese tra piazze, strade, luoghi di aggregazione del centro storico al fine di attuare un piano di prevenzione e contrasto dei fenomeni quali il disturbo della quiete pubblica, la guida in stato di ebrezza, lo spaccio ed il consumo delle sostanze stupefacenti, concentrando in particolare l’attenzione tra la piazza Ciullo e la piazza Mercato, Collegio dei Gesuiti, corso IV Aprile e strade limitrofe, dove è più concentrata la presenza di locali pubblici, proprio con l’intento di garantire maggior sicurezza ai cittadini. I militari hanno sottoposto a controllo circa 170 persone e 90 veicoli in transito, elevando 15 contravvenzioni al codice della strada. Numerosi i test eseguiti sui conducenti, mediante l’uso dell’etilometro per rilevare il tasso alcolemico. In due sono stati denunciati: un uomo di Calatafimi di 3 anni per guida in stato di ebrezza e un alcamese ella stessa età per guida senza patente. Per parte sua il commissariato di Alcamo ha identificato 50 individui, tra cui alcuni pregiudicati, e 31 veicoli. Nel mirino anche 6 controlli di soggetti sottoposti ad obblighi, fra i quali anche tre sorvegliati speciali. Nel corso del servizio è stata sanzionata un’autovettura che procedeva intralciando il traffico in orario nevralgico per la circolazione urbana e due conducenti per mancata esposizione del contrassegno assicurativo. A seguito dell’attività di monitoraggio dei pregiudicati è stata applicata la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza di un cittadino straniero che annovera svariati precedenti per reati contro il patrimonio e per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Lo straniero, volto noto nel panorama criminale cittadino, era già stato segnalato recentemente.