Alcamo-Street control indigesto, rivolta dei commercianti: il Comune va avanti (SERVIZIO)

L’imminente entrata in funzione dello street control ad Alcamo fa inviperire i commercianti della città. Ieri pomeriggio sono stati convocati dall’amministrazione comunale per presentare il nuovo sistema che prevede l’installazione di una videocamera nell’auto dei vigili urbani in grado di verificare in tempo reale eventuali trasgressioni al codice della strada con rilevamento immediato delle targhe anche con la pattuglia in movimento. Sarebbe come una sorta di “multa a strascico” che non perdonerà davvero nessuno. Gli esercenti sono stati quasi compatti nel criticare la scelta del governo cittadino guidato dal sindaco del Movimento 5 Stelle Domenico Surdi. I negozianti hanno la fondata preoccupazione che lo street control possa far impaurire e scoraggiare i clienti che spesso sono alle prese proprio con la difficoltà a trovare i parcheggi. Ecco perchè si fa ricorso al posteggio in doppia fila, un malcostume che è diventato quasi consolidato. Gli esercenti hanno lamentato la totale assenza di servizi: non solo i carenti parcheggi ma anche i mezzi di trasporto pubblico inesistenti, non ci sono nemmeno parchimetri per potere acquistare i ticket per le strisce blu. Una città che sul piano della viabilità viene considerata invivibile.

Secondo quanto preannunciato dal Comune lo street control entrerà in funzione alla fine di questo mese. La telecamera sulla pattuglia dei caschi bianchi multerà a tappeto non solo i veicoli in sosta vietata o in doppia fila ma anche quelli sprovvisti di assicurazione e revisione. Si tratta di una tecnologia innovativa che sostanzialmente funziona come uno smartphone. Nonostante le rimostranze l’amministrazione comunale andrà avanti nell’ottica però non si reprimere.

GUARDA IL SERVIZIO