Alcamo, sindaco Bonventre senza maggioranza

La nuova giunta non è riuscita a far ricompattare la vecchia coalizione che ha sostenuto sino ad oggi il sindaco Sebastiano Bonventre. Non a caso il primo cittadino ci ha messo ben due mesi prima di far quadrare il cerchio lasciando però qualche strascico. E gli effetti sono stati immediati tanto che il primo cittadino, almeno ufficialmente, non ha una maggioranza in consiglio comunale con il nuovo riassetto o per lo meno vacilla su uno striminzito numero. Intanto ci sono i primi passi concreti: il consigliere comunale Stefano Milito ’59 prende le distanze dal suo gruppo consiliare di “Insieme per Alcamo” e si dimette oltretutto anche da presidente della I commissione. Si paventa anche l’immediata fuoriuscita di Antonio Fundarò dal Partito democratico anche se lui smentisce a metà: “Al momento non c’è nulla” è il suo laconico commento anche se precisa: “Un’eventualità del genere non sarebbe certamente per la nomina della nuova giunta”. A conti fatti il sindaco quindi può contare su 15 consiglieri comunali a suo sostegno sui 30 presenti, se fosse confermata l’indiscrezione che riguarda Fundarò. Conterebbe sui 5 restanti consiglieri del Pd, sui 3 a testa di Area democratica, “Noi per Alcamo” e sui 4 dell’“Ucd”. Il cartello ufficiale è questo anche se esistono delle variabili: ad esempio si evidenzia la vicinanza di Ignazio Caldarella alle posizioni del primo cittadino, seppur nel gruppo misto. E poi c’è anche il gruppo “Insieme per Alcamo” al cui interno è rimasto Ignazio Coppola che si dice vicino al neoassessore Lidia Lo Presti, anche se il sindaco l’ha presentata come un tecnico di sua fiducia. Senza dimenticare Area democratica, al cui interno vi sono profondi dissidi sull’appoggio all’attuale governo cittadino, tanto che l’assessore i sua quota, Gino Paglino, li ha espressi proprio ieri sostenendo di potersi considerare un amministratore a tempo. Si ventila che almeno due dei tre consiglieri del gruppo, Lorena Di Bona e Antonio Pipitone, non siano molto convinti del sostegno a Bonventre. Il sindaco non è riuscito nemmeno a conquistare diversi consiglieri che si erano distaccati nei mesi scorsi. Tra questi Alessandro Calvaruso che conferma di rimanere nel gruppo misto all’opposizione rispetto al governo della città.

Style conscious men and women can choose from classic
isabel marant sneakers Shop More with Gift Vouchers

This seemingly bizarre inconsistency obviously leads way to aliens
louis vuitton online shopThe Best Underwear for Golf