Alcamo, sicurezza e impianti termici nelle scuole. Giunta approva progetto esecutivo

Adeguamento alle norme di sicurezza, piano antincendio, risparmio energetico degli impianti termici. L’Amministrazione comunale alcamese, guidata dal sindaco Domenico Surdi,  ha approvato, riunendosi in videoconferenza, il progetto esecutivo relativo a due istituti scolastici, il “San Giovanni Bosco” di via Pia Opera Pastore e il “Maria Montessori” di via Vittorio Veneto. Si tratta del primo stralcio degli interventi di ristrutturazione del patrimonio edilizio scolastico comunale che prevede lavori, per un importo complessivo di 160.000 euro nei due plessi alcamesi.

Dopo l’approvazione del progetto esecutivo l’iter necessiterà però di altri passaggi, il più importante e fondamentale, l’attivazione delle procedure per la gara d’appalto. In questo periodo di emergenza sanitaria, paradossalmente gli uffici della direzione 4 dovrebbero operare più celermente in quanto non c’è più presenza di utenza agli sportelli. Inoltre da casa i funzionari possono intervenire con maggiore tranquillità.

L’ammodernamento e la ristrutturazione dei piani di sicurezza e degli impianti termici, alla san Giovanni Bosco e alla Montessori, dopo l’aggiudicazione dell’appalto e l’avvio dei lavori, necessiteranno di almeno due mesi di interventi. L’ideale sarebbe che si cominciasse al massimo entro giugno per far si di non creare disagi per l’inizio del nuovo anno scolastico. “E’ un momento difficile – ha detto l’assessore all’istruzione Stefano Alessandra – ma dove si può cerchiamo di andare avanti. Speriamo di riuscire a completare tutto entro settembre, prima della ripresa delle lezioni”.

Tutto ancora fermo, invece, per ristrutturare il plesso Ferrante Aporti del viale Europa che accoglie classi di scuola materna appartenenti all’IC Mirabella. Qui sono stati rilevati problemi strutturali e la scuola è stata chiusa da più di un anno. Che si riesca a farla riaprire a settembre, appare davvero molto difficile.