Alcamo, si sbriciola chiesa Badia Nuova e si scoprono lesioni al campanile

0
1146

Calcinacci che vengono giù dal prospetto principale della chiesa del Santissimo Salvatore ad Alcamo, meglio conosciuta come Badìa grande. Quando i vigili del fuoco salgono con l’autoscala sulla sommità dell’immobile l’amara sorpresa: il campanile all’angolo è profondamente lesionato e rischia quindi di cadere giù. Ecco perchè è stato deciso di chiudere al traffico veicolare e pedonale il tratto di strada prospiciente, quindi le vie Stefano De Blasi Chiarelli e Rossotti. Decisione presa in accordo tra i vigili del fuoco e l’ufficio tecnico del Comune, confermando quindi il pericolo che incombe. Le lesioni sono state quindi scoperte per una semplice casualità. Ad avere lanciato l’allarme è stato l’arciprete della città, Leonardo Giordano, nel pomeriggio di ieri quando si era accorto che dal prospetto principale della chiesa venivano giù parti piccole di intonaco. I pompieri con l’autoscala sono intervenuti in pochi minuti ed hanno cominciato a lavorare, scrostando quindi l’intonaco pericolante con l’idea di mettere tutto in sicurezza. Ma proprio mentre stavano effettuando l’intervento, i pompieri si sono resi conto che in quella chiesa c’era sicuramente un pericolo ben più incombente: la lesione del campanile all’angolo in alto dell’immobile. Ad essere state accertate diverse crepe che sarebbero state causate per “schiacciamento”, vale a dire dal peso stesso della struttura. Un funzionario tecnico del comando provinciale dei vigili del fuoco di Trapani ha effettuato a sua volta una verifica confermando quanto certificato dai pompieri del distaccamento alcamese e con l’ufficio Tecnico del Comune è stato quindi deciso di interdire la passaggio pedonale e veicolare le due strade che costeggiano la chiesa. Con un’apposita relazione inviata dallo stesso comando provinciale dei vigili del fuoco è stata avvertita la curia vescovile di Trapani del pericolo e di effettuare immediati interventi di messa in sicurezza. La Badia Nuova da tempo immemorabile risente della “vecchiaia” della struttura e della mancanza di interventi edilizi. Infatti da anni buona parte del prospetto esterno si sbriciola ed ha costretto il Comune già diversi anni fa ad interdire una consistente superficie del perimetro stradale su cui ricade la chiesa. All’epoca furono fatti i primi lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza proprio sul prospetto. Nel marzo del 2013 l’ultimo grave episodio con distacco di intonaci dal prospetto che hanno investito e danneggiato un’automobile posteggiata proprio ai piedi della chiesa. Fortunatamente non si è registrato alcun ferito dal momento che il crollo è avvenuto nel cuore della notte e nessuno in quel momento transitava in quel tratto di strada. Parliamo di un immobile di grandissimo pregio non solo per Alcamo ma anche per l’intero panorama siciliano.