Alcamo riprende a salire, 2 referti positivi in poche ore. Un uomo e una donna, rientrati in paese

Dopo un giorno di stop Alcamo purtroppo riprende il consueto cammino e registra ben due casi nelle ultime 24 ore. Il primo risultato positivo è pervenuto nella tarda mattinata di oggi e riguarda un quarantenne rientrato dagli Stati Uniti il 26 marzo scorso. Il secondo è stato invece ufficializzato dall’esito del tampone nel tardo pomeriggio. Si tratta di una donna di circa 45 anni, probabilmente anche lei facente parte dei cosiddetti “quarantenati”. Se così fosse, grazie alle disposizioni contenute nell’ordinanza del presidente Musumeci, salgono a cinque gli alcamesi rientrati in Sicilia e risultati positivi dopo i 14 giorni di isolamento domiciliare. Saranno quindi costretti a prolungare il loro “confinamento”.

Gli altri tre quarantenati risultati positivi sono tutti molto giovani: un ragazzo di 24 anni entrato in contatto con la fidanzata proveniente dall’Emila Romagna e con la quale si era posto in isolamento domiciliare in territorio di Castellammare, e due studentesse universitarie di 24 e 25 anni che invece provengono dall’Inghilterra e da Milano dove stavano portando avanti i loro studi. La prima è rientrata e si è messa in quarantena con la cugina più giovane ma quest’ultima è risultata assolutamente negativa.

Intanto da CoronaVirus si comincia a guarire, anche in numero elevato, in provincia di Trapani. Tra questi c’è anche il funzionario dell’ASP, l’alcamese Franco Regina, i cui tamponi cominciano a negativizzarsi e che da giorni ha lasciato la terapia intensiva. In tutto, fra guariti e dimessi nelle ultime 24 ore, si arriva a quota 6 dal Covid-Hospital di Marsala mentre 9 sono in via di dimissioni dal Sant’Antonio Abate di Trapani. Alcuni si sono già immunizzati.

Fra i dimessi due provenienti da Marsala e uno da Salemi, Valderice, Caltanissetta e Siculiana. Sono stati trattati con una terapia che combina l’utilizzo dilenoxaparina, idrossiclorochina e antivirale, così come previsto dal protocollo validato dalla Società Italiana di Malattie Infettive, e sottoposti anche ad ossigenoterapia. Alcuni a ventilazione ad alti flussi. Al momento all’ospedale di Marsala restano ricoverati 4 pazienti nel reparto Covid, uno in terapia sub-intensiva e 3 in terapia Intensiva.

Fra i pazienti ricoverati invece al “Sant’Antonio Abate” di Trapani e prossimi alle dimissioni, ce ne sono due (uno di Salemi e l’altro di Paceco) che usciranno domani, mentre entro martedì è prevista la dimissione di altri 7 pazienti definiti stabili e che saranno trasferiti nella struttura alberghiera di Villa Zina Park Hotel di Custonaci, dove ultimeranno il periodo di prevista quarantena fino alla completa negativizzazione.

Dato invece negativo il nuovo rallentamento delle analisi dei tamponi che vengono prelevati in abbondanza dalla task-force incaricata ma che poi non riescono ad essere smaltiti nel nuovo laboratorio di Marsala. Alcuni vengono ancora inviati al Policlinico di Palermo. nelle ultime 24 ore, per tutto il territorio trapanese, gli esiti pervenuti sono stati soltanto una quarantina. Fra questi i due positivi di Alcamo e un altro a Valderice.