Alcamo, si elegge il nuovo consiglio alla Banca don Rizzo

Domenica 4 ottobre sarà una data da scrivere nelle pagine della storia della Banca di credito cooperativo di Alcamo. Per quel giorno, in seconda convocazione alle ore 9 nell’aula magna dell’istituto tecnico, si svolgerà l’assemblea ordinaria dei soci. Si volta dunque pagina. Otto i punti all’ordine del giorno: elezione del presidente del consiglio di amministrazione per i prossimi tre anni, stessa cosa per l’elezione dei quattro componenti il consiglio di amministrazione. Elezione del presidente del collegio sindacale designato dal Fondo di garanzia dei depositanti del credito cooperativo. Elezione di due componenti effettivi del collegio sindacale e di due supplenti. Deliberazione in materia di sanzioni amministrative per violazione di norme tributarie degli esponenti aziendali. Determinazione dei compensi degli amministratori e modalità dei rimborsi spese sostenute nell’espletamento del loro mandato. Determinazione dei compensi per l’amministratore chiamato a svolgere compiti specifici. Stipula polizza relativa alla responsabilità civile e della polizza infortuni professionali, extraprofessionali degli amministratori e sindaci. Glia spiranti amministratori dovranno presentare il loro curriculum professionale per potere essere inseriti nelle liste che debbono essere di gradimento della Banca d’Italia. L’attuale situazione è scattata dopo controlli della Banca d’Italia relativi agli ultimi cinque anni e sino allo scorso marzo. L’attuale amministrazione, eletta nel maggio 2014 conclude con anticipo il suo mandato. Intanto si è aperta la caccia alle deleghe per assicurarsi un buon pacchetto di voti da riversare sul proprio candidato.