Alcamo, scuole con vecchi impianti antincendio. Parcheggio sotterraneo senza estintori

0
301

La scuola “Montessori”, nell’ultimo mese dell’anno scolastico, aveva già optato per i doppi turni al fine di non superare la soglia massima di 100 presenze nei locali, tante quante ne prevede l’attrezzatura antincendio disponibile. A settembre, alla riapertura dell’anno scolastico, altri istituti potrebbero seguire l’esempio qualora l’amministrazione comunale non dovesse intervenire per risolvere il problema. I fondi sono stati già stanziati dalla Regione ma gli uffici tecnici comunali stanno ancora predisponendo i vari progetti per gli impianti anti-incendio e l’installazione delle nuove pompe.

Sulla vicenda è intervenuto il consigliere comunale di CentrAli per la Sicilia, Giacomo Sucameli, che è anche vigile del fuoco, che ha inviato una nota al Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Trapani mettendola all’attenzione del nuovo Comandante Biancamaria Cristini. Sucameli affronta un’altra grave e pericolosa mancanza, quella degli estintori a polvere nel parcheggio sotterraneo di piazza Bagolino. I due argomenti sono stati affrontati anche nel corso della seduta del consiglio comunale di mercoledì scorso.

“L’amministrazione comunale alcamese – scrive Sucameli – è in notevole ritardo nell’adeguare gli impianti antincendio delle scuole di proprietà comunali: la “Maria Montessori”, secondo il consigliere, sarebbe addirittura sprovvista del certificato di prevenzione. Adeguamenti non effettuati nemmeno nelle scuole Don Bosco, Bagolino, Piero Maria Rocca, Gentile, Lombardo Radice, Pirandello, Ciullo e Navarra nonostante – spiega Giacomo Sucameli – siano stati concessi i finanziamenti”. Per quanto riguarda il parcheggio sotterraneo di piazza Bagolino non si tratta invece di voci bensì di certezze. Lo stesso consigliere comunale, infatti, ieri si è recato personalmente sul posto constatando– si legge nella nota inviata al comando provinciale dei vigili del fuoco – che è ancora sprovvisto di estintori a polvere.