Alcamo: Scontro auto-bici, muore il direttore della Don Rizzo

0
289

ALCAMO. Non ce l’ha fatta Carmelo Guido (nella foto), l’alcamese di 56 anni molto conosciuto per il suo ruolo ai vertici della Banca Don Rizzo. L’uomo è deceduto nella tarda mattinata all’ospedale “San Vito e Santo Spirito” di Alcamo, dove era stato ricoverato d’urgenza in condizioni disperate. Guido era in sella alla sua bicicletta da corsa quando alle prime luci del mattino, sulla strada statale 113, all’altezza del rinomato locale “Rustic” si è scontrato frontalmente con un’auto che procedeva in direzione opposta. Guido, secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri intervenuti sul posto, stava procedendo in direzione Calatafimi mentre l’auto, una Fiat Multipla guidata da un uomo di Calatafimi, stava invece percorrendo la strada in direzione Alcamo. Ancora al vaglio degli inquirenti le dinamiche dell’incidente: forse una distrazione o una manovra azzardata da parte di uno dei due all’origine del tragico episodio. Immediatamente sul posto si è recata un’ambulanza del 118 per prelevare Carmelo Guido, trovato riverso per terra. Pare che abbia anche perso conoscenza per qualche minuto e sarebbe stato vittima persino di un arresto cardiaco da cui però si era ripreso grazie al primo soccorso dei sanitari. Trasportato al nosocomio alcamese il direttore della rinomata banca è stato sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico d’urgenza: in pratica, proprio per le sue gravissime condizioni, non è stato possibile trasportarlo in più attrezzati ospedali a Palermo. I medici del “San Vito e Santo Spirito” hanno fatto il possibile per strapparlo alla morte anche se la situazione si presentava davvero molto complicata. Guido infatti aveva riportato la perforazione di un polmone, la rottura del bacino ed altre gravi lesioni ad organi interni. Il ciclista è rimasto per ore sotto i ferri poi il quadro clinico si è improvvisamente aggravato ed il cuore non ha più retto. I militari dell’arma hanno effettuato i rilievi sul luogo dell’incidente con l’obiettivo di cercare di ricostruire con esattezza la dinamica. Si cercano soprattutto elementi che possano indicare se ci sono state responsabilità da una parte e dall’altra. La statale 113, così come molte altre strade extraurbane di Alcamo, sono molto frequentate dai ciclisti che in solitario o in gruppo si avventurano in lunghi percorsi. Purtroppo i pericoli sono sempre dietro l’angolo dal momento che la statale 113 è percorsa da molte auto e spesso ad elevata velocità. Carmelo Guido era molto conosciuto perché attraverso l’istituto di credito che dirigeva ha portato avanti molti progetti sul sociale, sostenendo tante organizzazioni no profit nei più svariati campi. Soprattutto era molto attento alle dinamiche giovanili ed alla loro creatività.