Alcamo-Sconti sulla bolletta rifiuti, al momento tutto fermo

0
290

Il consiglio comunale chiede a gran voce che venga rinnovato l’incentivo alle famiglie per il conferimento dei rifiuti differenziati al centro comunale di raccolta di Alcamo. E’ stata approvata una mozione dall’assemblea municipale in cui si impegna il commissario straordinario del Comune, Giovanni Arnone, a ripristinare l’apposito capitolo di spesa e quantomeno confermare la cifra dello scorso anno pari a 80 mila euro. Ad oggi chi va a conferire nel Ccr non usufruisce di alcuno sconto da addebitare sulla bolletta dell’anno in corso. Agevolazioni stabilite dalla passata amministrazione comunale, guiadata dal sindaco Sebastiano Bonventre, in cui veniva introdotta la pesatura dei rifiuti conferiti: raggiungendo un certo quantitativo si possono avere sconti sulla bolletta della Tari, la tassa sui rifiuti, da 50 a 100 euro. Proprio per questo motivo il consigliere comunale Alessandro Calvaruso ha voluto sollecitare il commissario presentando questa mozione d’indirizzo che ha trovato l’ok di tutta l’assise. Ora però l’ultima parola spetta ad Arnone che materialmente dovrebbe dare disposizione in merito agli uffici: “Dovremo verificare con gli uffici finanziari e del Settore Ambiente – ha già avuto modo di sottolineare il commissario del Comune – se confermare la cifra, il bilancio è in fase di predisposizione e ne terremo conto”. Per fruire della riduzione, in base al regolamento comunale, l’utente deve raggiungere i seguenti punteggi: punteggio minimo 17 corrispondente alla riduzione della parte variabile del tributo pari a 50 euro; punteggio medio di 33 corrispondente alla riduzione di 75 euro della parte variabile del tributo; punteggio massimo di 51 corrispondente alla riduzione di 100 euro della parte variabile del tributo. I rifiuti che danno diritto alla riduzione sono: imballaggi carta e cartone, imballaggi in plastica e vetro, ingombranti, pneumatici, sfalci e potature. Non vengono conteggiati la carta e il cartone bagnati, inoltre il cartone dovrà essere conferito piegato per effettuare la pesatura. Lo scorso anno c’è da dire che questa opportunità non è che sia stata sfruttata granchè dagli alcamesi: sono state appena 450 all’incirca le famiglie che hanno chiesto la pesatura dei rifiuti. facendo quindi una media di 75 euro di sconto raggiunto per ogni famiglia che ha conferito al centro di raccolta si intuisce che degli 80 mila euro stanziati in bilancio meno della metà saranno effettivamente spesi.