Alcamo: revisione Prg, inizia il lavoro

0
417

ALCAMO – Entra nella sua fase clou la revisione del piano regolatore generale del Comune di Alcamo. In via di allestimento gli uffici per far insediare i tecnici e l’assegnazione degli studi a professionisti del settore per arrivare poi all’allestimento del nuovo strumento urbanistico della città. E’ intanto iniziata l’attività congiunta tra l’Ufficio di Piano e il Circes, la società dell’università di Palermo che affiancherà in questo percorso il Comune: “Nel corso di questo incontro – sottolinea l’assessore all’Urbanistica, Enzo Coppola – sono stati individuati i locali da mettere a disposizione del gruppo di lavoro e dei consulenti nonché degli stagisti, alcuni dei quali alcamesi, che parteciperanno ai lavori”. Nella fase di revisione è stato inoltre deciso che ci si avvarrà del Sitr del Comune, il sistema informatico territoriale che contiene tutte le cartografie in formato digitalizzato del territorio alcamese: “In questa fase di redazione tale strumento – aggiunge Coppola – può essere d’aiuto essendo contenuti tutti i dati, le cartografie, i progetti, le varianti e tutte quelle informazioni utili al Piano e da reperire”. In questi giorni si procederà all’incarico per la redazione dello Studio Agricolo Forestale e Incidenza Ambientale e dello Studio Geologico, in modo da potere collaborare sinergicamente ed avvalersi di tutte le competenze per arrivare in tempi brevi alla presentazione del progetto di massima: “A questo obiettivo – precisa l’assessore all’Urbanistica – si perverrà con un confronto continuo con il Consiglio Comunale che è l’organo con competenza esclusiva per l’approvazione finale e la città”. Nel contempo il Settore Pianificazione Urbanistica del Comune ha affrontato alcune tematiche riguardanti la trascrizione dei vincoli edilizi (parcheggio, inedificabilità, etc), e le case isolate all’interno delle zone di espansione. Dopo una serie di incontri con i Tecnici istruttori delle pratiche edilizie e con l’assessore e il dirigente del Settore Urbanistica del Comune Carlo Bertolino, è stata disposta una direttiva interna per uniformare la condotta dell’Ufficio nei confronti delle diverse pratiche edilizie. Su richiesta dell’assessore, da valere come metodo in ogni occasione, le direttive verranno comunicate ai professionisti che operano nel settore mediante pubblicazione sul sito del Comune, organi di stampa e web. Il Comune è obbligato, secondo quanto stabilisce una normativa regionale del 1991, a procedere alla revisione generale dello strumento urbanistico i cui vincoli urbanistici sono decaduti. In particolare gli uffici preposti comunali dovranno ottenere l’ok dalla Regione per il cosiddetto Vas, la valutazione ambientale strategica, passaggio burocratico indispensabile per il processo di revisione del piano regolatore. l’amministrazione comunale ha deciso di avvalersi dell’ateneo palermitano per via della “complessità tecnico-organizzativa delle nuove procedure”.