Alcamo: rete idrica, riparazioni un salasso

0
310

L’emergenza idrica oramai è solo un ricordo per Alcamo, almeno per il momento. I turni di erogazione, specie nel centro storico, si sono riaccorciati a tre giorni, come era stato disposto dal Comune prima della serie di rotture alla rete che hanno complicato la situazione sino a provocare uno stop all’erogazione anche di 12 giorni. Ma è costata davvero cara questa ennesima emergenza alle casse comunali. Soltanto in questa prima parte del mese di luglio il Comune ha liquidato e impegnato somme superiori alle 70 mila euro per tre diversi maxi interventi affidati a tre diverse imprese specializzate nel settore. Una tranche di 24 mila e 400 euro sono andati alla Miscar costruzioni srl di Alcamo, per lavori urgenti di riparazione della conduttura adduttiva proveniente dalle sorgenti Dammusi e Cannizzaro; stessa identica cifra è destinata all’impresa Cassarà srl di Alcamo per avere effettuato la fornitura e sostituzione di tubazione in ghisa per le riparazioni sempre sulla condotta del Dammusi; infine 23 mila e 180 euro sono stati liquidati alla ditta Faraci Ignazio, anch’essa alcamese, per lavori urgenti di riparazioni della condotta idrica di adduzione proveniente dalle sorgenti Chiusa-Dammusi-Mirto e Cannizzaro, con interventi anche alla rete idrica cittadina. Un vero e proprio dissanguamento delle finanze comunali che pagano lo scotto di infrastrutture vecchie, obsolete e soprattutto non adeguate alle esigenze del territorio. Il problema sostanziale è che con questi lavori non si ha nessuna garanzia, anzi: purtroppo le deficitarie condizioni delle condotte e la loro ubicazione, in aree ad altissima densità franosa, non danno alcuna sicurezza sulla tenuta del servizio. In pratica da un momento all’altro l’emergenza può ripresentarsi ed è sempre dietro l’angolo come sottolineato dall’amministrazione comunale. Da anni ci si interroga sulla necessità di provvedere ad una totale sostituzione della rete idrica ridotta oggi ad un vero e proprio colabrodo. Ma la cosa non è affatto facile: secondo una stima dei tecnici del Comune per la sostituzione servirebbero qualcosa come 2 milioni di euro, soldi di cui il Comune non dispone in cassa. La situazione comunque è anche meno problematica di quello che potrebbe essere dal momento che il centro urbano si è quasi del tutto svuotato per via della tradizionale “emigrazione” di massa ad Alcamo marina, dove non esiste rete idrica e qui di ci si approvvigiona solo con autobotti. Quindi la richiesta di acqua è nettamente inferiore. In pratica a soffrire la sete sono quei pochi rimasti in città a lavorare o perché non posseggono una casa lungo il litorale. Per loro l’estate si preannuncia rovente, e non solo per le alte temperature.

thus not helping the purpose
woolrich outlet How to curl virgin Brazilian human hair

and tell him to go back to styleforum and superfuture
chanel espadrillesHistory’s 7 Most Astounding Sexual Resumes