Alcamo-Regolamento animali, nuovo stop in consiglio: in imbarazzo anche il M5S (VIDEO)

Salta ancora la modifica per il regolamento della tutela degli animali e scoppiano le polemiche in consiglio comunale ad Alcamo. L’opposizione va all’attacco della maggioranza del Movimento 5 Stelle che a sua volta si è frantumata, con evidenti imbarazzi da parte di alcuni esponenti pentastellati. Quest’altro stop, dopo quello arrivato qualche tempo fa per una “pregiudiziale” legata a problematiche di tipo tecnico in quel caso, è arrivato per bocca della consigliera grillina Alessandra Cuscinà. Le sue scuse non sono bastate a placare alcuni esponenti della minoranza infastiditi dall’ennesimo rinvio del consiglio con l’aggravante che ieri sera l’unico deliberazione all’ordine del giorno era quella proprio della modifica del regolamento: in pratica una seduta caduta a vuoto. La Cuscinà si è presentata in aula evidenziando la necessità di presentare numerosi emendamenti, ben 18 giustificandosi così: “Purtroppo molte cose a me vengono in mente all’ultimo minuto – ha affermato -, inoltre oramai questo testo è stato varato un anno fa per cui certe cose vanno comunque modificate”. “La consigliera – ha ribattuto Rita Norfo dell’Udc – ha avuto tutto il tempo per lavorare su questo regolamento, non capisco perchè si sia arrivati all’ultimo momento con ben 18 emendamenti”. “Ora siamo arrivati al punto che si perdono giornate intere di lavoro per chi fa il libero professionista come me senza deliberare nulla – aggiunge Gino Pitò del movimento Alcamo cambierà – e senza ricevere il gettone di presenza. Questo punto si deve trattare e votare”. Consiglio comunale sospeso per 30 minuti ma questo non è bastato per far superare l’impasse. Infatti sugli emendamenti gli uffici e il segretario generale hanno dato parere di “inesprimibilità”, dunque di fatto non votabili dall’aula. Alla fine la stessa Cuscinà ha chiesto il rinvio del regolamento per approdare nuovamente in commissione consiliare. Questa volta anche il Movimento 5 Stelle si è sfaldato, con i consiglieri Laura Barone e Filippo Salato che hanno preferito astenersi. Rinvio comunque passato, seppur con numeri risicati, per il voto degli altri pentastellati. In precedenza si erano discusse solo due interrogazioni. Una sul degrado di Alcamo marina e l’amministrazione ha garantito che si sta intervenendo con lavori a breve e medio termine. Poi è stato sollevato il problema dei ritardi relativi all’approvazione del regolamento sulle manomissioni del suolo e sottosuolo pubblico che prevede sanzioni nei confronti di chi effettua scavi non ripristinando la sede stradale con lavori a regola d’arte. Il testo sarebbe rimasto impigliato tra commissione consiliare ed uffici ma a breve è stato assicurato uno sblocco.

GUARDA GLI INTERVENTI IN CONSIGLIO COMUNALE