Alcamo -Quei cittadini illustri caduti nel dimenticatoio

 

“La memoria non è ciò che ricordiamo, ma ciò che ci ricorda. La memoria è un presente che non finisce mai di passare”(Octavio Paz). Scienziati, uomini di cultura, poeti, scrittori e così via hanno da sempre ribadito l’importanza delle memoria. Ma ad Alcamo anche questo aspetto è stato da tempo messo da parte. C’è in città qualcosa che ricorda oggi quel grande figlio di Alcamo che è stato Ludovico Corrao.  E’ vero che sulla facciata di Porta Palermo le sculture di Rubino vennero commissionate da Ludovico Corrao. Ma dopo la sua morte solo dichiarazioni di buona volontà da parte del Comune per dedicare qualcosa di importante a Ludovico Corrao. Solo frasi di circostanza di una classe politica parolaia. Solo un’iniziativa di Legambiente Alcamo che ha intitolato la sezione a Ludovico Corrao. Caduto nel dimenticatoio anche Vincenzo Lombardo, per oltre 50 anni protagonista ad Alcamo. Amico personale di Togliatti, Macaluso e di tanti esponenti di spicco del Pci e in ultimo vice sindaco con Ferrara. Ludovico  Corrao e “Zinu” Lombardo sono stati determinanti nell’acquisto dell’ex Collegio dei gesuiti, oggi il bene culturale più importante della città, tanto per citare un avvenimento. Ebbene anche a “Zinu” Lombardo non è stata dedicata alcuna opera. Con tutto il rispetto per il fondatore dei gesuiti, al quale è stato intestato l’atrio del Collegio, perché non dedicare parte di questo immenso immobile a Vincenzo Lombardo, che si battè per l’acquisto e che andò a firmare all’Agenzia delle entrate il contratto col quale tale bene immobile passava di proprietà al Comune, he spese meno di 800 milioni delle vecchie lire. Perché persone che furono vicini a “Zinu” Lombardo, non si intestano l’iniziativa di intitolare qualcosa di importante a Ludovico Corrao e Zinu Lombardo. Diceva Cicerone “La memoria è tesoro e custode di tutte le cose”. Un’ultima annotazione in un territorio quello alcamese dove si intitolano strade ad illustri sconosciuti,  e con grandi voli di fantasia all’insalata di mare, spigole, polipi, acciughe, squali e così via è veramente paradossale che ad alcamesi illustri  non sia stato dedicato qualcosa di importante e pertanto rischiano di finire nel dimenticatoio.