Alcamo-Polizia municipale, da oggi nuovo comandante

 

In servizio al corpo di polizia municipale di Alcamo da 26 anni e da 20 in pratica con il ruolo di comandante, svolto con competenza e professionalità,  da oggi Giuseppe Fazio (nella foto a destra) non è più il dirigente di tale settore. Ad essere investito, ad interim, della carica di dirigente e quindi comandante del settore Controllo e sicurezza del territorio, ovvero la polizia municipale, è Sebastiano Luppino (nella foto a sinistra). Questi ha la direzione della Ragioneria e della polizia municipale e da oggi non più le entrate tributarie e patrimoniali, incarichi che sono stati conferiti a Francesco Maniscalchi, che mantiene anche quelli dei servizi al cittadino e risorse umane. Al segretario generale Vito Bonanno l’incarico dirigenziale del settore sviluppo economico e territoriale, ovvero dell’urbanistica “per il tempo strettamente necessario all’individuazione di un dirigente titolare nell’ambito delle politiche di programmazione del fabbisogno del personale” è scritto in un comunicato. I tre incarichi, come dicevamo sono ad interim, in attesa che si possano espletare i concorsi per assumere nuovi dirigenti anche se c’è un grosso ostacolo da superare: ovvero dove reperire le somme per pagare stipendi e contributi a tali figure apicali. Gli incarichi dirigenziali fanno parte del piano di riorganizzazione degli uffici varato dall’amministrazione comunale di Alcamo. Per quanto riguarda gli altri settori Giovanna Mistretta ha la direzione degli affari generali, Enza Anna Parrino: lavori pubblici, servizi tecnici e ambientali e pare anche lo sport. Lo scopo dell’amministrazione è quello di dare nuovo slancio all’attività amministrativa: Ma va aggiunto che un cittadino quando si rivolge all’ufficio di un Ente pubblico interessa poco chi lo dirige ma legittimamente aspira ad ottenere con rapidità che vengano soddisfatte le giuste richieste e che ottenga risposte veloci alle proprie istanze che purtroppo in Italia spesso si perdono negli ingranaggi della burocrazia. Se il valzer delle poltrone servirà a migliorare e velocizzare  la macchina burocratica ben venga. E’ chiaro che per fare un bilancio sui risultati che otterrà il Comune di Alcamo si dovranno attendere diversi mesi.