Alcamo-Parcella di 29 mila euro ad ex assessore, aperta un’inchiesta

 

Hanno scritto una lettera al Comune chiedendo il pagamento di parcelle per gli incarichi relativi alla redazione dei progetti dei Piani particolareggiati di recupero di Alcamo Marina, senza la cui approvazione, non è possibile avviare gli iter per la richiesta di fondi per la realizzazione di opere di urbanizzazione. La lettera è stata firmata da sei tecnici alcamesi tra architetti e ingegneri e la vicenda ha fatto scattare un’indagine interna al Comune, per la richiesta di chiarimenti da parte del commissario Giovanni Arnone. Contemporaneamente la Guardia di finanza ha acquisito i carteggi relativi alla vicenda per cui si presume che sia scattata un’indagine. I sei tecnici chiedono pagamenti “per similitudine”. Infatti l’ex assessore all’Urbanistica Enzo Coppola, che figurava tra i progettisti dei Piani particolareggiati di recupero, si è dimesso dall’incarico una volta entrato a far parte dell’ ex amministrazione Bonventre. Ad Enzo Coppola, assessore in carica, nel settembre dello scorso anno venne liquidata una parcella di circa 29 mila euro. La determina venne firmata dall’ allora responsabile all’Urbanistica, Carlo Bertolino perché gli elaborati erano tecnicamente validi. Quindi essendo tutto in regola venne pagata la parcella. I sei professionisti alcamesi chiedono  spettanze e si interrogano come mai a loro non è stato dato ancora nemmeno un euro, mentre ad un collega è stato pagato il lavoro che aveva svolto. Il commissario Giovanni Arnone ha chiesto una relazione, mentre la Guardia di finanza ha iniziato a studiare i carteggi per vedere se tutto è in regola. Secondo chi allora firmò la determina di pagamento all’ex assessore Enzo Coppola tutto sarebbe stato fatto in piena regola.