Alcamo-Operazioni antidroga, un arresto e una denuncia

Ancora droga che scorre a fiumi ad Alcamo. Due le nuove operazioni dei carabinieri della compagnia cittadina che sono riusciti ad individuare altrettanti presunti spacciatori. La più consistente è certamente quella che ha fatto scattare le manette ai polsi di Antonino Siragusa (nella foto), 33 anni, disoccupato alcamese. Indagini investigative hanno portato i militari dell’Arma dritti nella sua abitazione e l’intuito delle indagini ha trovato conferma. All’interno della casa di Siragusa i carabinieri hanno trovato complessivamente 135 grammi tra droghe leggere e pesanti. La “roba” era stata nascosta nel garage annesso all’abitazione. Qui i militari sono riusciti a trovare un involucro contenente cocaina del peso di circa 20 grammi, dosi singolarmente confezionate sempre di cocaina del peso complessivo di circa 25 grammi, altri 7 ovuli di hashish per un peso pari a 70 grammi, un altro involucro da 5 grammi con dell’hashish e poi 2 involucri con marijuana del peso complessivo di 15 grammi circa ed un bilancino di precisione per la pesatura e dosatura della sostanza. Le sorprese per i militari non finivano qua: nel corso della perquisizione è stato individuato anche un peluche al cui interno vi erano ben 2 mila e 700 euro di banconote, ritenuto l’incasso dell’attività di spaccio. Nella seconda operazione invece una pattuglia dell’aliquota radiomobile, impegnata in un servizio di controllo del territorio, ha individuato due donne sospette all’interno di un’automobile. Con l’ausilio di personale femminile del comando di polizia municipale entrambe sono state perquisite e addosso gli sono stati trovati 10 grammi di marijuana avvolti in un involucro. Da qui i militari sono riusciti a risalire al loro spacciatore: si trattava di un alcamese di 36 anni, disoccupato e con precedenti. In casa di quest’ultimo sono stati trovati altri 5 grammi di marijuana e un grammo di hashish. Per questo motivo l’uomo è stato denunciato. Droga e attrezzatura rivenute nel corso delle due operazioni sono stati sequestrati e per entrambi è stata formulata l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Specificatamente a Siragusa sono stati concessi i domiciliari.