Alcamo-Ok al Dup, al Comune si torna ad assumere e stabilizzare

0
368

Il Comune di Alcamo dopo anni torna ad assumere. Sei dirigenti saranno assunti attraverso l’indizione del concorso e si tratta di un dirigente tecnico, un avvocato, un ingegnere, un dirigente contabile, un funzionario amministrativo e un tecnico informatico. Ci sarà anche un incarico a contratto per l’assegnazione del comando di Polizia municipale e la stabilizzazione di un avvocato e un architetto. Tutto sarà fatto tra quest’anno e il 2018. L’amministrazione comunale ha messo nero su bianco nel Dup, il documento unico di programmazione, che è stato approvato con qualche piccola modifica ieri sera dal consiglio comunale.

Stanziati in bilancio 155 mila euro per l’informatizzazione degli uffici, compreso l’acquisto di un software per il controllo di gestione dei vari uffici nell’ottica di un monitoraggio costante della spesa. Soldi anche per il completamento della toponomastica di Alcamo marina mentre ci si pone l’obiettivo di non aumentare più di un centesimo le tasse. Su questo c’è stato un emendamento approvato dal consiglio che impone come obiettivo una sostanziale riduzione della pressione fiscale e tariffaria. Altri due gli emendamenti che sono stati approvati: uno prevede la possibilità di indebitamento per opere pubbliche strategiche nel prossimo triennio, contrariamente a quanto era stato previsto dalla giunta che invece escludeva categoricamente tale ipotesi, dietro però uno studio economico-finanziario dettagliato dopo il rendiconto del 2016; l’altro emendamento, firmatari tutti i componenti della II commissione, prevede invece l’acquisto nel 2018 di un autobus per potenziare la mobilità urbana con la riserva però di accantonare le somme necessarie nel prossimo bilancio. Sono state 4 ore di serrato dibattito e confronto che hanno portato all’approvazione del Dup. Il consiglio si era aperto con la solita raffica di debiti fuori bilancio che sono stati approvati seppur con la constatazione, divenuta oramai prassi, di costi sulle spalle del Comune che potevano essere almeno in parte evitati. Dall’opposizione il solito appello a verificare meglio caso per caso e a dare la possibilità alla commissione consiliare competente di potere approfondire tutti gli atti trasmettendo la documentazione completa.