Alcamo: movida, repressione e sensibilizzazione

La movida alcamese sotto assedio. Repressione ma anche sensibilizzazione: su entrambi i fronti si stanno muovendo forze dell’ordine e Comune per cercare di attutire un costume giovanile che sta assumendo contorni preoccupanti per i cittadini. Da queste considerazioni è nata un’operazione a tappeto che vede il Comune raccordarsi non solo con le forze dell’ordine ma anche con il mondo dell’associazionismo e con gli uffici dei diversi assessorati per mettere in campo soluzioni che pongano un fremo ai fiumi di alcool che invadono ogni fine settimana il centro storico della città con risvolti ovviamente preocpanti in termini di microcriminalità. A farsi promotore e collante di questa iniziativa l’assessore al Turismo, Spettacolo e Sviluppo economico Massimo Melodia che ha attivato una serie di contromisure. In primis si vuole porre un freno all’eccessivo e spesso incontrollato consumo di alcolici attraverso le attività commerciali: “Ho girato al collega assessore competente – sottolinea Melodia – la richiesta sul rispetto della vendita di alcolici e sul controllo delle emissioni sonore”. L’assessore allo Spettacolo ha concesso soltanto delle deroghe a queste limitazioni riguardo solo all’orario per date ritenute importanti, come le festività natalizie, ed in accordo con tutte le attività commerciali: “L’intento è stato quello – ha precisato Melodia – di far sì che tutto il territorio del centro storico si coinvolgesse a turno o tutto insieme per rendere la movida garbata ed accogliente per le migliaia di giovani che vengono anche da fuori Alcamo”. Attraverso l’assessorato alla Polizia municipale invece ci si è attivati per una richiesta di intervento presso tutte le forze dell’ordine, anche alla prefettura di Trapani, per sollecitare un’azione preventiva e repressiva più efficace nei casi limite che settimanalmente si susseguono. Si sta inoltre seriamente pensando all’ipotesi di istituire un presidio di guardiania notturna del corpo di Polizia municipale ma in questo caso bisogna fare i conti con il bilancio del Comune. I risultati sul piano repressivo si sono fatti sentire: ben tre le maxioperazioni effettuate da carabinieri, polizia e polizia municipale: oltre 200 i veicoli controllati, quasi 400 le persone identificate: due giovani alcamesi sono stati denunciati per guida senza patente e guida in stato di ebrezza alcolica, inoltre sono scattate altre contravvenzioni per cinque giovani per guida in stato di ebrezza e mancanza di copertura assicurativa. Ed ancora sono stati segnalati come assuntori alla Prefettura 3 persone, trovate in possesso di 11 “stecche” di marijuana, pochi grammi, tali da rientrare nella modica quantità. Contestate inoltre diverse violazioni alle norme del Codice della Strada: tra le infrazioni più frequenti risultano quelle per il mancato possesso dei documenti di guida o di circolazione, la mancata revisione del veicolo, il mancato uso delle cinture di sicurezza e l’utilizzo del telefonino cellulare durate la guida. Ritirati anche 6 tra documenti di circolazione e di guida, mentre 4 sono stati i veicoli sottoposti a sequestro perché privi di copertura assicurativa. L’assessore Melodia ha chiesto anche all’assessorato all’Ambiente un potenziamento del servizio di pulizia già a partire dal sabato notte per permettere alla città di svegliarsi la domenica mattina col decoro che merita e nel contempo si stanno concertando progetti che coinvolgano famiglie e giovani nel quadro di una complessiva sensibilizzazione al rispetto civico.

It is used in industries ranging from fashion to
isabel marant sneakers 7 Effective Ways To Treat Red And Irritated Skin

crafting a merchandise consider available for items
valentino outletWhy Filing For Bankruptcy Is Not A Magic Bullet