Alcamo marina-Riqualificazione waterfront, incontro con il commissario Arnone

0
336

 

Consegnata ieri al commissario straordinario del Comune, Giovanni Arnone, la petizione on line per la riqualificazione del territorio di Alcamo Marina. Lanciata qualche mese fa su Change.org, piattaforma sul web che dà la possibilità di istruire petizioni popolari e di recapitarle, se raggiungono un numero congruo, agli organismi a cui sono diretti, attualmente ha superato il migliaio di firme. Presenti all’incontro di ieri, oltre al promotore dell’iniziativa, Giuseppe Lombardo, anche i presidenti, rispettivamente, dell’associazione Alcamo Marina, Giuseppe Lentini, e dell’associazione Geochelone Vincenzo Gruppuso. Sono stati ribadite proposte, sottolinea il promotore dell’iniziativa “già formulate dai vari gruppi della società alcamese, politici e non politici, e di cui si parla ormai da molti anni”. “I cittadini – continua Lombardo in una nota – chiedono che le istituzioni della nostra città inizino a lavorare per la riqualificazione del territorio, anche se questo comporta qualche sacrificio, vanno fatte scelte coraggiose per il bene della comunità”. È stato anche realizzato un video in cui si illustra il progetto e come verrebbe cambiato l’assetto del litorale. Firmando la petizione si chiede la riqualificazione del waterfront e la progettazione di opere essenziali per rendere pienamente accessibile la spiaggia e il mare; più dettagliatamente si punta all’individuazione e costruzione di nuove vie di accesso pedonali verso la spiaggia e ristrutturazione di quelle già esistenti; la ristrutturazione e adeguamento dei sottopassaggi e cavalcaferrovia; l’arretramento dei margini della ferrovia a vantaggio delle due strade adiacenti che andrebbero corredate di marciapiedi e parcheggi; la progettazione e costruzione di un percorso pedonale antistante le ville sulla spiaggia con i dovuti servizi e arredi urbani, quali illuminazione, panchine e cestini; un percorso oltre le case che renda accessibile la costa collegando da ovest contrada Canalotto con la Tonnara, e da est contrada Magazzinazzi con piazzale Battigia. La riunione di ieri si è incentrata sul riassetto della rete urbana, dei passaggi al mare e dell’arretramento dei margini della ferrovia; quest’ultimo argomento portato avanti dall’ex sindaco Sebastiano Bonventre che aveva preso contatti con i vertici regionali delle ferrovie italiane, i quali si erano resi disponibili per un intervento su Alcamo marina. Il commissario straordinario, riguardo alla petizione, ha fatto sapere di essersi già mosso inviando una nota agli uffici di competenza, ma ha anche ricordato che sono argomenti che dovranno essere trattati dalla nuova amministrazione che fra qualche mese si insedierà nel Comune. Arnone ha anche assicurato che il progetto preliminare per rendere realizzabile la rete fognaria,, in fase di esecuzione, verrà presentato a breve. Si è anche parlato della necessità di completare la toponomastica, argomento chiesto e preso in carico da Giuseppe Lentini. Vincenzo Gruppuso ha messo sul tavolo alcune proposte come la coltivazione del giglio di mare sulle dune, con il fine di rivalutare e preservare l’ambiente naturale dunale. L’incontro si è concluso con l’invito da parte del commissario straordinario di “continuare a lavorare per la promozione del territorio in quanto gli argomenti trattati richiedono uno sforzo congiunto tra cittadini e la nuova amministrazione, alla quale toccherà il compito di iniziare un percorso tecnico-amministrativo che consenta in tempi medio-brevi di raggiungere gli obiettivi auspicati”.